Addio parabrezza ghiacciato: basta uno smartphone

Sul Ford Escape si può attivare con uno smartphone il sistema di sbrinamento del parabrezza

Quante volte vi è capitato d’inverno di scendere in strada, trovare il parabrezza della vostra auto coperto di ghiaccio e perdere minuti preziosi al freddo cercando di pulirlo, po’ con il raschietto e un po’ il riscaldamento della macchina? Ecco, in futuro per risolvere la questione vi basterà avere uno smartphone.

La nuova versione della Ford Escape 2017 presentata negli Stati Uniti e già in commercio in Canada è infatti fornita di un particolare sistema per sghiacciare i tergicristalli scaldando la base del parabrezza e fino a qui non si tratta di una prima assoluta specie in Nord America: la grande novità è che la versione nordamericana del Kuga ha un meccanismo per essere azionato a distanza, avvalendosi del protocollo di comunicazione garantito dal Sync.

In pratica, una resistenza collocata alla base del parabrezza permette di sghiacciarlo e ‘staccare’ i tergicristalli in breve tempo – da casa Ford assicurano che l’operazione è realizzabile anche a -28 gradi in circa 10 minuti – avviando la procedura dalla propria casa tramite uno smartphone, che accende il de-icer e fa così trovare i vetri della macchina pronti quando si scende in strada.

Volendo, sempre tramite telefono, si può anche programmare l’attivazione del dispositivo o azionare il climatizzatore, per trovare pure l’interno dell’auto ben riscaldato.

Al momento il “windshield wiper de-icer” è disponibile sugli allestimenti Titanium e in optional sulle versioni SE del nuovo Escape, all’interno di uno speciale pacchetto invernale definito “Cold Weather Package” che prevede pure specchietti e sedili riscaldabili, tappetini antiscivolo e un sistema di condizionamento supplementare.

Non si sa ancora se e quando questo pacchetto arriverà sui suv Ford commercializzati nel Vecchio Continente: d’inverno farebbe sicuramente comodo e quindi chissà che in casa Ford non ci pensino seriamente…

MOTORI Addio parabrezza ghiacciato: basta uno smartphone