La moto elettrica fatta a mano in fibra di carbonio

Al momento si tratta solo di un prototipo, ma può essere già ordinata versando una caparra di 1.000 euro

Mettendo insieme tutto (telaio, ruote, cerchioni, motore e batteria) raggiunge un peso di 70 chilogrammi. Il telaio, da solo, pesa appena 7 chilogrammi ma riesce a sopportare un carico massimo di 110 chilogrammi. Caratteristiche che farebbero pensare a una bici elettrica a pedalata assistita e che, invece, si riferiscono a una moto (sempre elettrica) progettata e in fase di produzione in Germania.

Si chiama Novus, è stata ideata dall’omologa startup tedesca e non dovrebbe arrivare in commercio prima di due anni. Nonostante ciò, le notizie che trapelano dalla Germania hanno immediatamente catturato l’attenzione di migliaia di persone in tutto il mondo, che l’hanno preordinata versando la caparra da 1.000 euro. E capire il perché di tanto entusiasmo non è tanto complicato: tutti gli elementi di Novus sono realizzati in fibra di carbonio. Una soluzione già adottata per le e-bike, ma mai vista sinora su una vera e propria motocicletta.

Telaio, forcella e forcellone sono tutti realizzati in fibra, solitamente utilizzato nelle auto di lusso (come la Panther ProgettoUno, ad esempio) e in quelle da corsa, noto per la sua duttilità, resistenza ed estrema leggerezza. Non solo: anche i cerchioni delle ruote (da 18 pollici) sono realizzati in fibra di carbonio e modellati a mano. L’estrema leggerezza del telaio (appena 7 chilogrammi, come detto) e delle altre componenti meccaniche ha consentito ai tecnici e agli ingegneri tedeschi di adottare “soluzioni estreme” anche sul fronte meccanico.

Novus

fonte: Novus

Il motore elettrico, integrato nel mozzo della ruota posteriore, sviluppa una potenza di “appena” 24 cavalli. Ma, nonostante ciò, è in grado di spingere la moto in fibra di carbonio a una velocità massima di 120 chilometri orari. Anche l’accelerazione ha ben poco da invidiare a motociclette decisamente più potenti e performanti. Sfruttando la coppia immediata del motore elettrico (200 Nm di coppia massima), Novus accelera da 0 a 50 chilometri orari in appena 3 secondi.

Ad alimentare il tutto troviamo un battery pack da 4,3 kWh che assicura una autonomia di circa 100 chilometri. La ricarica veloce, infine, consente di accumulare l’80% della carica in 30 minuti. Grazie ai sistemi di frenata rigenerativa attiva e passiva, comunque, è possibile percorrere qualche chilometro in più. Perfetta, insomma, per spostarsi tra casa e lavoro oppure per una passeggiata nel week end. Anche se si dovesse restare “a secco”, infatti, basta una veloce pausa caffè per poter tornare immediatamente in sella.

Come accennato, Novus dovrebbe arrivare sul mercato solamente nel 2022, ma già oggi può essere prenotata versando una caparra di 1.000 euro. Più o meno il 2% del prezzo finale. Novus, infatti, ha un prezzo (che potrebbe ancora variare, però) di oltre 50 mila euro. Come un’auto di grossa cilindrata, insomma.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La moto elettrica fatta a mano in fibra di carbonio