Il monopattino dei record: missile da 100 km/h

Uno dei veicoli elettrici più incredibili mai realizzati al mondo, il monopattino da Grand Prix S1-X

Da mesi si parla dell’idea avuta dal pilota libanese Khalil Beschir, insieme a Luca Grassi (Formula E) e Alex Wurz (pluricampione di Le Mans) di lanciare il primissimo campionato per monopattini. Oggi anche la società di sharing Helbiz, che conosciamo bene, ripropone questo possibile progetto avanguardistico.

E infatti parteciperà al campionato eSC con il nuovo eSkootr sviluppato insieme a Williams e YCOM. A partire dalla primavera del prossimo anno inizieranno le prime gare, i veicoli elettrici correranno nelle città di tutto il mondo. Le squadre iscritte al campionato in esordio sono dieci. Dagli stabilimenti di produzione della YCOM esce quello che possiamo definire “la supercar dei monopattini elettrici”.

Si tratta del nuovo eSkootr denominato S1-X, che oggi segue le orme dei veicoli da record che escono dalla stessa Casa Madre. La batteria è della Williams Advanced Engineering, ma il mezzo in sé è frutto dalle idee e della mente creativa di Nicola Scimeca, l’ingegnere fondatore di YCOM, azienda nata nel 2008 insieme al socio Mario Saccone.

YCOM, per quanto riguarda i monopattini realizzati insieme a Helbiz e Williams, oggi vanta un contratto quadriennale con eSc (campionato mondiale di eSkootr), per la fornitura di tutti i monopattini da competizione, ne verranno consegnati tre per ogni squadra, oltre ai box di attrezzature per la manutenzione e tutti i ricambi. Il monopattino elettrico ha una piccola batteria da 1,3 kWh che alimenta due motori da 6 kW, integrati nelle ruote, che montano gomme slick. Il peso del mezzo più veloce è di meno di 40 kg, l’S1-x è in grado di raggiungere la velocità record di 100 km/h (assolutamente fuori legge per quanto rigurda la circolazione stradale). Sembra incredibile, ma è così: primato nel mondo della micromobilità.

YCOM, il monopattino elettrico da record

Il monopattino elettrico dei record S1-X viaggia fino a 100 km/h

Il telaio progettato e realizzato da YCOM è completamente in fibra di carbonio, tipo Formula 1. Invece la carrozzeria è stata costruita utilizzando la fibra di lino. La società di Scimeca e Saccone si occupa anche della produzione del sistema di controllo del monopattino, della telemetria e dei due inverter. Già oggi degli aspiranti piloti, che provengono dai più svariati sport, hanno iniziato a provare i primi esemplari scesi in pista.

Scineca ha dichiarato: “Il veicolo è un laboratorio. Stiamo scoprendo giorno per giorno come va sviluppato, settato e perfino guidato. Pensi che lo stanno testando piloti di moto, snowbordisti, surfisti, skateborder, ciascuno con la sua tecnica. E ancora non sappiamo quale sia quella vincente”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Il monopattino dei record: missile da 100 km/h