Monopattini: obbligo di frecce e stop

Il Decreto Infrastrutture inserisce delle novità per quanto riguarda i monopattini elettrici, nuove regole ferree per la circolazione

I monopattini elettrici, che sono sempre più presenti sulle strade delle nostre città, hanno bisogno di una normativa severa, ormai lo diciamo da mesi. Poche leggi a regolamentare la circolazione di questi mezzi della micromobilità urbana a zero emissioni, che infatti non è sicura come dovrebbe e purtroppo ha causato troppi incidenti, alcuni anche molto gravi.

Finalmente pare arrivato il momento che attendevamo, la Camera dei Deputati ha appena dato il via libera al Decreto Infrastrutture, passando quindi il ‘testimone’ al Senato, che dovrà approvare il testo entro il 9 novembre. Non c’è molto tempo, poco più di una settimana, per questo motivo crediamo che la Camera non apporterà alcuna modifica e non verrà inserita nessuna novità. Le regole per la circolazione dei monopattini elettrica faranno sicuramente parte del testo finale e entreranno in vigore alla fine dell’iter legislativo, ma vediamo nel dettaglio di che cosa si tratta.

Innanzitutto, a partire dal 1° luglio 2022 verranno introdotti sui monopattini elettrici gli indicatori luminosi di svolta (le frecce) e i freni sulle due ruote. A partire da gennaio 2024 anche tutti i monopattini già in circolazione dovranno adeguarsi a quest’obbligo. Altra novità che fa discutere, ma è una delle prime di cui si è parlato, riguarda la velocità massima di percorrenza, che cala da 25 km/h a 20 km/h; nelle aree pedonali resta il limite di 6 km/h.

Non è tutto, verrà esteso anche l’obbligo dell’utilizzo del casco per tutti coloro che guidano monopattini elettrici (non solo per i minorenni), ma anche della copertura assicurativa e della targa del mezzo (per quanto riguarda l’assicurazione, ancora nulla è certo. Il governo non ha preso una decisione in merito, sta valutando).

Attenzione poi a dove si circola, sarà espressamente vietato guidare il monopattino elettrico sul marciapiede. Anche la sosta selvaggia sarà punita, a Milano già lo scorso anno era stata introdotta la rimozione forzata contro gli incivili che lasciavano il loro monopattino ‘parcheggiato’ ovunque, ad ostruire i passaggi pedonali e addirittura appoggiato alle auto in sosta. Molto probabilmente ogni Comune si attrezzerà con delle aree apposite, ma resta comunque la possibilità di parcheggiare negli stalli riservati a ciclomotori e bici.

I mezzi devono inoltre avere una luce bianca o gialla davanti, una rossa dietro, e il guidatore di sera deve usar bretelle o giubbotto retroriflettente ad alta visibilità, per evitare qualsiasi rischio al buio (regole che valgono da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo di buio). Tutti coloro che noleggiano e offrono servizi di sharing dovranno obbligatoriamente chiedere all’utente la foto del monopattino a fine noleggio, per conoscerne la sua effettiva posizione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Monopattini: obbligo di frecce e stop