Il ritorno della Mazda RX-9 e dei motori Wankel

Arriverà nel 2020 la gran turismo giapponese che tornerà a montare i motori Wankel

Un progetto in controtendenza rispetto a tutto il resto del mercato, un “azzardo” che potrebbe rivelarsi una scelta interessante. La Mazda RX-9 tornerà sul mercato senza rinunciare al motore Wankel.

La stessa casa produttrice del Giappone e tutti gli altri produttori avevano abbandonato questi propulsori a causa di una serie di caratteristiche non in linea con gli standard di mercato in virtù di consumi e livelli di inquinamento più elevati e di un logoramento più veloce.

La nuova RX-9, che gli ingegneri nipponici faranno esordire sul mercato nel 2020 dopo una lunga fase di sviluppo tuttora in corso, tornerà a montare i propulsori Wankel, evoluti in termini di prestazioni e consumi, in vista di un’impostazione differente della vettura. La nuova nata in casa Mazda avrà infatti un animo sportivo su probabile ispirazione della Concept RX-Vision e con un’evidente influenza del progetto Kodo Design che la casa giapponese ritiene fondamentale per le strategie future.

In considerazione di uno spirito che strizza l’occhio al mondo delle corse, la Mazda RX-9 abbinerà agilità e prestazioni: accanto allo stile lineare che contraddistingue i modelli della casa giapponese, non mancheranno infatti gli ultimi ritrovati in termini di sicurezza e tecnologia, mentre le prestazioni saranno garantite proprio dal motore Wankel.

La gran turismo di casa Mazda monterà infatti un motore da quasi 400 cavalli, montato in posizione ribassata e coricato di 180° per ottenere prestazioni migliori in linea con le altre sportive. A bordo, Mazda sta già studiando le soluzioni in grado di assistere al meglio il guidatore con strumenti semplici e intuitivi, migliorando al contempo il comfort di tutti i passeggeri. La semplicità degli interni sarà confermata anche all’esterno, adeguando le linee della vecchia versione al progetto Kodo Design, che aveva già caratterizzato la Mazda 6.

Il focus di Mazda sarà però rivolto al guidatore. Nelle intenzioni, infatti, chi siederà al volante della RX-9 riuscirà ad avere un’esperienza di guida difficilmente replicabile da altre vetture già presenti sul mercato. La casa produttrice giapponese non ha svelato ulteriori dettagli in merito alla nuova vettura, che esordirà sui mercati solo nel 2020, ma lo studio di soluzioni tecnologicamente avanzate e in grado di rispettare gli standard garantirà il soddisfacimento di tutte le esigenze dei guidatori.

Nuova Mazda RX-9

Fonte: Instagram

MOTORI Il ritorno della Mazda RX-9 e dei motori Wankel