Blazer, il suv compatto della Chevrolet

Uscirà nel 2019 la nuova versione del suv compatto americano studiato per adattarsi al meglio ad ogni situazione

Dopo un lungo periodo di assenza, la Chevrolet tornerà a riproporre al mercato il marchio Blazer, sinonimo di fuoristrada di discrete dimensioni che però non disdegnano prestazioni da sportiva. Nei primi mesi del 2019, la Chevrolet Blazer sarà nuovamente disponibile nei listini, ma si presenterà con una serie di versioni aggiornate sia nel design che nella meccanica.

Gli ingegneri di casa Chevrolet, marchio che fa parte del gruppo General Motors, hanno studiato l’evoluzione della Blazer in stile crossover, sposando una linea di veicoli adatti a qualsiasi contesto – compreso quello urbano – che va nella direzione delle necessità esposte dai principati mercati internazionali. La nuova Chevrolet Blazer si posizionerà nella gamma delimitata dai modelli Equinox e Traverse, ma con un’impostazione decisamente differente.

Sono tanti infatti i particolari che avvicinano il nuovo modello Chevrolet ai modelli più sportivi del centenario marchio di Detroit. I gruppi ottici anteriori ricordano infatti la Camaro e la stessa calandra, costituita da due sezioni sovrapposte, risulta essere particolarmente aggressiva. Per il disegno delle fiancate, invece, torna l’ispirazione crossover, che si ripercuote anche sui passaruota.

Due invece gli allestimenti motore previsti per la Chevrolet Blazer 2019: il quattro cilindri Ecotec da 193 cavalli e 255 Nm di coppia massima e il sei cilindri a V che vanta 305 cavalli e 365 Nm di coppia massima, alimentati ad iniezione diretta e azionati dal sistema Start and Stop. Per la trazione, Chevrolet ha pensato a molteplici varianti: alle due ruote motrici si affianca infatti il Traction Select e la trasmissione a doppia frizione nelle versioni Premiere ed RS, che assicura una maggiore tenuta di strada in presenza di fondo bagnato.

Come tutti i modelli di nuova progettazione, anche per la Chevrolet Blazer 2019 la dotazione tecnologica è al passo con i tempi e riesce a soddisfare le esigenze in materia di comfort, sicurezza e infotainment. Fari puntati in particolare su Hitch Guidance e Hitch View che consentono di facilitare l’aggancio di un rimorchio, ma anche sul Cruise Controle adaptive, a disposizione per i modelli RS e Premier con il Real Camera Mirror e l’apertura del portellone senza l’utilizzo delle mani. Curati anche i dettagli: dai portaoggetti al riscaldamento automatico del volante, senza dimenticare il cassetto portaoggetti lato passeggero a chiusura elettronica integrato nel Valet Mode. Lo Chevrolet Infotainment 3, l’ultimo sistema della casa statunitense, dispone infine di un display touchscreen con connettività 4G-LTE, che consente di connettere i dispositivi mobili tramite Apple CarPlay e Android Auto. La Chevrolet Blazer sarà a disposizione solo nel 2019, ma la casa statunitense si attende un buon riscontro da parte del mercato internazionale.

MOTORI Blazer, il suv compatto della Chevrolet