Rinnovo patente dopo i 50 anni: cosa fare

La procedura da seguire per il rinnovo patente dopo i 50 anni è la medesima di quella prevista per il rinnovo patente standard: sarà quindi necessario recarsi presso la Motorizzazione Civile, una delegazione ACI o presso una Scuola Guida.

Per il rinnovo della patente dopo i 50 anni la normativa italiana prevede tre fasce di età.

Per chi ha tra i 51 e i 70 anni è necessario sottoporsi alla visite mediche ed in seguito al rinnovo soltanto una volta ogni cinque anni; tra i 71 e gli 80, invece sarà indispensabile occuparci del rinnovo ogni tre anni, infine per coloro che hanno superato gli 80 anni bisognerà farlo ogni due.

Per quanto riguarda le visite mediche la valutazione funzionale del guidatore over 50 comprende il controllo e la verifica di tre capacità ben precise ovvero quelle visive, quelle fisiche e le abilità cognitive.

In questo caso è acceso il dibattito: la commissione medico legale infatti, se visitando la persona che deve rinnovare la patente dovesse riscontrare qualcosa di anomalo, sarà costretto a consigliare al paziente una visita specialistica.

Bisogna ricordare che per una questione normativa, il referto che attesti o meno il nostro stato di buona salute, dev’essere rilasciato soltanto da una struttura pubblica altrimenti non sarà ritenuto valido ai fini del rinnovamento della patente.

Bologna, rinnovata patente a uomo di 102 anni

Codici patenti di guida: quali sono

 

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Rinnovo patente dopo i 50 anni: cosa fare