Furti d’auto: ladri sempre più specializzati

Sempre più colpite oggi le auto noleggiate a breve termine, i malviventi fanno danni da oltre 12 milioni

Torniamo ancora una volta a parlale di ladri di auto, purtroppo in Italia il fenomeno dilaga e da anni continua senza sosta, sembra praticamente impossibile arrestarlo, nonostante la miriade di antifurti di ultima generazione sul mercato e il lavoro delle Forze dell’Ordine.

Le vetture sempre più prese di mira sono quelle che gli automobilisti prendono a noleggio, soprattutto a breve termine. Quali sono nel dettaglio i numeri in Italia? Si arriva fino a 1.800 auto rubate ogni anno, significa una media di cinque al giorno, e non è poco. Il primato negativo è detenuto dalla Lombardia, dalla Campania, dalla Puglia, dalla Sicilia e dal Lazio. Il danno per settore va oltre i 12 milioni di euro.

La situazione è drammatica, e la conosciamo grazie ai dati raccolti da ANIASA, associazione di Confindustria che rappresenta il settore dei servizi di mobilità. Quella dei furti di auto in Italia è una vera e propria piaga che non riusciamo a guarire, le varie aziende di noleggio auto oggi sono in una situazione disperata a causa di questo problema che ovviamente grava sull’operatività e i bilanci delle società.

Nell’ultimo anno, come abbiamo detto, si contano 1.800 veicoli, tra auto e furgoni, rubati. Nonostante le continue lotte contro questo fenomeno, è addirittura in crescita dell’11% rispetto all’anno precedente. Secondo quanto emerge dalle ricerche condotte, negli ultimi anni i criminali si concentrano sulle auto più appetibili per la vendita dei pezzi di ricambio sul mercato nero e per l’esportazione nei Paesi dell’Est. Sono diminuiti quindi i volumi di vetture rubate, ma le macchine scelte sono quelle più costose.

Purtroppo le auto a noleggio sono quelle più colpite oggi, i motivi sono due: sono sempre nuove e la clientela oltretutto non le custodisce sempre a dovere. Buono il dato sul tasso di recupero, lo scorso anno le auto ritrovate infatti hanno raggiunto la soglia del 50%, niente male. Questo avviene anche grazie alle società di noleggio auto a breve termine che oggi inseriscono all’interno delle proprie vetture dei dispositivi telematici di ultima generazione, che aiutano le Forze dell’Ordine nella localizzazione e nel recupero dei mezzi rubati.

Giuseppe Benincasa, direttore generale di ANIASA, evidenzia: “I nostri ultimi dati confermano e consolidano il negativo primato europeo e mondiale del nostro Paese nella graduatoria delle nazioni più colpite dalla piaga dei furti d’auto. La crisi economica degli ultimi anni ha spinto le organizzazioni criminali a puntare con crescente interesse verso questo redditizio business e, in particolare, verso la crescente flotta delle auto a noleggio a breve termine. Numeri significativi, cui si aggiungono quelli del noleggio a lungo termine e del car sharing. Un fenomeno che in una fase di crisi acuta dell’industria turistica e di recessione economica mette a rischio la sopravvivenza di alcuni operatori meno strutturati”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Furti d’auto: ladri sempre più specializzati