Auto a GPL e metano: Italia prima per immatricolazioni in Europa

Il rapporto trimestrale sull’andamento del mercato europeo delle autovetture ad alimentazione alternativa pubblicato da ANFIA (Unione Italiana Fabbriche di Automobili) ci regala uno spaccato dell’attuale mercato auto in Italia che resta saldamente in testa per quanto riguarda le immatricolazioni di auto a gas.

Gli alti volumi di mercato delle auto con questi carburanti alternativi sono infatti una prerogativa specificamente italiana.

Nel 2018, il mercato delle auto alimentate a gas in Europa è cresciuto dell’11% con 230.275 nuove immatricolazioni.

L’Italia, pur perdendo 8 punti di quota rispetto al 2017, mantiene la leadership di mercato con il 70% delle vendite europee di auto a gas. Sono state immatricolate 161.971 auto, un volume allineato a quello di un anno fa.

Al 2° posto, si piazza la Spagna che supera la Germania, con 20.842 nuove registrazioni e una quota del 9,1% sul mercato europeo.

Rispetto ad un anno fa i volumi di auto a gas sono più che quadruplicati. La Germania è il 3° mercato europeo, con 15.470 immatricolazioni di auto a gas (+90%) e una quota del 6,7%. L’auto a gas è una delle soluzioni alternative che il governo di Berlino concede alle amministrazioni locali quando vietano la circolazione delle auto diesel (Euro 4 o inferiori, per ora).

L’industria automobilistica tedesca e la sua Associazione di rappresentanza, VDA, sostengono il principio basato sulla neutralità tecnologica, puntando su soluzioni flessibili, in un contesto politico che metta in campo altri settori industriali (per esempio quello dei carburanti ecologici), oltre a quello specifico di sviluppo del veicolo e consideri anche il comportamento e le abitudini degli automobilisti.

La Polonia è al 4° posto, a causa di una contrazione del 25% e 7.546 unità vendute.

MOTORI Auto a GPL e metano: Italia prima per immatricolazioni in Europa