Dal joypad al volante: i video game aiutano a guidare meglio

Secondo uno studio, chi gioca ai videogame (e non solo d'auto) può migliorare come guidatore

Vi piace dilettarvi con i videogame? Buon per voi e per chi viaggia sulla vostra macchina: secondo un recente studio, infatti, ‘impratichirsi’ con i videogame aiuta anche a guidare meglio nella vita reale.

La ricerca, riportata dalla rivista “Psychological Science”, ha scoperto che alcuni videogiochi come il celebre “Mario Kart” – ma non solo quelli ambientati su quattro ruote – possono migliorare sensibilmente le capacità “videomotorie”, quelle che regolano la reattività muscolare agli stimoli visivi, fondamentali anche quando ci si mette al volante.

Nel loro studio, ricercatori delle Università di Shanghai e di Hong Kong, hanno analizzato il comportamento di 80 studenti coinvolti in varie tipologie di videogame: di guida, azione, strategia e gestionali. In uno di questi esperimenti, si è chiesto agli studenti che avevano fino a quel momento giocato a videogame strategici – o comunque non d’azione – di cimentarsi a “Mario Kart”. Ebbene, dopo una decina di ore, le loro capacità videomotorie hanno mostrato progressi significativi.

Dall’altra parte, quelli che avevano continuato a divertirsi in videogame non d’azione, non hanno mostrato lo stesso tipo di progressi, spingendo quindi i ricercatori a pensare che effettivamente i giochi d’azione aiutino a migliorare le capacità di coordinazioni occhio-movimento.

“Giocare a videogame d’azione anche per un periodo di circa cinque ore a settimana, aiuta a migliorare la precisione e la reattività della risposta nei controlli videomotori”, si sottolinea nell’analisi.

In un altro esperimento, invece, i giocatori ‘incalliti’, quelli che giocano almeno cinque ore a settimana a videogame d’azione, sono risultati migliori in un test di guida virtuale rispetto a chi non aveva giocato poco e per nulla allo stesso tipo di gioco.

Scontato, a questo punto, l’esito della ricerca: giocare a videogame d’azione può essere un modo utile per diventare guidatori migliori e perfino chi guida da tempo può progredire ulteriormente. Per intenderci, solo 14 degli 80 partecipanti alla ricerca erano in possesso di una patente di guida ma, in questo senso, aver già la patente non ha influito sull’esito dei test.

“Abbiamo scoperto che i miglioramenti registrati nei partecipanti che avevano già la patente era simili a quelli che ne erano privi”, ha spiegato Li Li, coordinatore della ricerca in una dichiarazione rilasciata all’Huffington Post.

La cosa sorprendente dello studio è però, forse, un’altra: spesso i guidatori esperti preferivano i giochi ‘sparatutto’ rispetto a quelli di guida e che questi, almeno per loro, sono risultati effettivamente più utili perché “richiedono costantemente ai giocatori fare previsioni su dove e quando arriveranno i proiettili”, in sostanza abituando le persone a prevedere cosa accadrà, altra dote utilissima quando si guida un macchina.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Dal joypad al volante: i video game aiutano a guidare meglio