Tutor senza taratura periodica, le multe saranno annullate

Se i dispositivi non vengono controllati periodicamente, allora le multe per eccesso di velocità non sono valide

La Corte Costituzionale afferma che tutti i sistemi di rilevamento della velocità su strada devono essere sottoposti a taratura periodica.

Secondo quanto sostiene quindi l’articolo 45 del Codice della Strada, che esclude da questi controlli i dispositivi tutor per il rilevamento sulle autostrade, è incostituzionale, perché la disciplina in materia deve essere applicata a qualsiasi tipologia di sistema. Si tratta di una sentenza emessa dalla Corte stessa già nel 2015, ma che finora in realtà non è stata mai applicata a nessun caso concreto.

Esattamente il 3 ottobre però un episodio ha cambiato le cose, visto che la Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi proprio pochi giorni fa sul ricorso che è stato mosso da un automobilista. L’organo di giustizia chiamato a decidere ha quindi esaminato il caso ed è andato oltre, deliberando appunto che il principio per cui i controlli periodici debbano essere fatti anche sui tutor deve essere valido, pur trattandosi di casi di infrazioni stradali.

I giudici della sesta sezione civile hanno deciso quindi e la Corte di Cassazione ha così stabilito, nella sua ordinanza n. 24757 che, nel caso in cui un automobilista vada a contestare l’affidabilità dell’apparecchio che rileva la velocità sulle nostre autostrade, il giudice chiamato a decidere deve sempre verificare che tale dispositivo, il tutor in oggetto, sia stato sottoposto alle verifiche di funzionalità e alle tarature periodiche.

Il tutor quindi, che è il dispositivo che rileva la velocità media e istantanea delle macchine sui tratti autostradali dove viene installato, non può ovviamente sempre essere infallibile e funzionare senza alcun errore, come qualsiasi tipologia di apparecchio elettronico capace di rilevare infrazioni. Questo è il motivo secondo il quale la Corte si è quindi pronunciata dicendo che, se manca la certificazione dell’avvenuto controllo al dispositivo, allora il verbale e ogni altra eventuale sanzione relativa alla patente di guida, come la sospensione o la decurtazione dei punti, devono essere annullate.

Abbiamo appena parlato, nei giorni scorsi, dei tutor autostradali, che oggi proseguono nel processo di riattivazione (dopo le varie vicende che li hanno colpiti). Il sistema in funzione oggi va a coprire 810 chilometri di autostrade controllati dal rilevatore di velocità attivo, strumento indispensabile per agevolare il lavoro svolto dagli agenti della Polizia di Stato.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Tutor senza taratura periodica, le multe saranno annullate