Tutor in autostrada, è caos: la verità sulla riattivazione

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla questione della riattivazione dei tutor in autostrada

Sappiamo tutti della questione dei tutor autostradali, spenti lo scorso anno a causa di una controversia relativa al brevetto.

Abbiamo però parlato di recente della riattivazione degli stessi, in corrispondenza del controesodo. Era infatti trapelata la notizia (confermata da Autostrada per l’Italia) che i ‘vecchi’ sistemi di rilevazione della velocità sarebbero tornati a funzionare regolarmente, dopo che la Cassazione si era pronunciata nuovamente e aveva quindi dato questa possibilità.

Era nata così un po’ di confusione, perché non molto tempo prima avevamo pubblicato un articolo che indicava tutte le tratte coperte dai nuovi dispositivi, che sostituivano appunto i precedenti. Ad oggi non abbiamo ancora notizie ufficiali sulla riattivazione dei vecchi sistemi, Autostrade per l’Italia qualche giorno fa ha comunicato: “La Cassazione ha ribaltato la sentenza della Corte d’Appello riguardante la legittimità della tecnologia Safety Tutor, entro la fine di agosto o i primi di settembre dovrebbe tornare tutto alla normalità”, ma pare non sia così.

Nonostante la società che gestisce le nostre autostrade abbia cantato vittoria, è proprio invece la Craft, che anni fa le intentò causa per violazione del brevetto dei tutor, a sconsigliare assolutamente la riaccensione degli stessi. La nota del 21 agosto recita come segue: “Vi ricordiamo che, contrariamente a quanto potrebbe apparire dal vostro comunicato stampa, ripreso dai media nazionali, la Corte ha cassato con rinvio, e dunque la controversia è ben lontana dall’essere chiusa. Infatti il processo sarà riassunto di fronte alla Corte d’Appello di Roma che potrà ritenere sussistente la contraffazione. Vi diffidiamo dal riattivare i tutor, e comunque dal compiere atti lesivi dei nostri diritti, anche per il passato”.

La Cassazione quindi, in realtà, ha solo accolto alcune osservazioni fatte sulla sentenza della Corte d’Appello. Non ha ancora preso posizione per quanto concerne la reale (o meno) fondatezza della contraffazione del brevetto. La Corte Suprema ha quindi rinviato il giudizio ad un nuovo processo, la vicenda è molto complessa e di certo non finisce qui.

Chiaramente quello che ci interessa specificare, che è la domanda più importante che si staranno facendo ora tutti gli automobilisti in Italia, è quali sono le tratte controllate, tutor ‘vecchi’ oppure no. A quanto pare ad oggi, secondo quanto comunicato dalla Polizia Stradale, la rete coperta dal sistema del controllo della velocità media è aumentata arrivando a 510 km in tutto. Le tratte sotto sorveglianza sarebbero oggi quelle indicate nel presente documento della Polizia (aggiornato al 26 agosto 2019) ma la faccenda pare proprio non essersi per niente conclusa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Tutor in autostrada, è caos: la verità sulla riattivazione