Tesla, i primi accordi per la Giga Factory tedesca

Elon Musk ha deciso dove costruire la sua prima fabbrica in Germania, la Casa ha trovato il terreno adatto

Dalla scorsa estate parliamo della decisione di Elon Musk di realizzare il suo primo stabilimento in terra tedesca. Tesla è un brand che dal momento della sua creazione si allarga a macchia d’olio, diventando una delle Case automobilistiche più importante a livello globale.

Si tratta, come ben sappiamo, dell’azienda pioniera nella mobilità elettrica che lo scorso mese di agosto ha acquisito la sua nuova fabbrica in Cina e che ha deciso di rivolgersi per la prima volta anche al nostro Vecchio Continente. L’Europa è infatti stata scelta da qualche mese da Elon Musk per aprire la sua nuova Giga Factory. Le auto al momento vengono prodotte in California, nella fabbrica di Fremont, e poi vengono importate via nave.

Secondo quello che sappiamo oggi il produttore americano di vetture elettriche Tesla e il Land del Brandeburgo stanno per siglare il loro accordo. Pare infatti che il Ceo della Casa abbia trovato il terreno dove realizzare la sua prima fabbrica europea in Germania, precisamente nell’area di Gruenheide, e stia per formalizzare la compra-vendita.

È l’ufficio di avvocati incaricato del contratto a Potsdam che ha reso nota la notizia. A partire dal 2021 Tesla ha intenzione di iniziare la produzione del nuovo suv compatto Model Y proprio nella nuova Giga Factory di Gruenheide. I lavori di costruzione della fabbrica dovrebbero iniziare già il prossimo anno, nella prima metà del 2020. Nelle scorse settimane erano stati sollevati dei dubbi e delle incertezze da parte dei politici locali, principalmente per quanto riguarda la tempistica e altri problemi legati alla burocrazia e alle infrastrutture. Oggi pare che ormai tutto sia risolto.

Il ministro-presidente del Brandeburgo, il socialdemocratico Dietmar Woidke, ha dichiarato: “È molto positivo che siano stati fatti i primi passi. Mi rende ottimista per gli ulteriori passi che dovranno esserci. C’è ancora tanto da fare”. La scelta di avere uno stabilimento in Europa, il primo, è molto saggia, per dare la possibilità di servire meglio i mercati locali e soprattutto aggirare i dazi di importazione. Tesla sembra quindi aver terminato la perlustrazione di tutti i land della Renania settentrionale-Vestfalia e della Bassa Sassonia, andando a scegliere il terreno che si trova precisamente nell’area di Gruenheide.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Tesla, i primi accordi per la Giga Factory tedesca