Lo strano caso del mercato delle auto senza conducente

Cosa sta succedendo nel mercato delle automobili con guida autonoma, soprattutto dopo i tragici episodi recenti.

Google annuncia la partnership con Jaguar Land Rover per l’acquisto di un nuovo tipo di automobile, elettrica e senza il conducente. In questo modo il colosso vuole cavalcare l’onda approfittando delle difficoltà che hanno avuto le macchine a guida autonoma negli ultimi tempi.

Due gli incidenti dell’ultimo periodo. In Arizona un’auto sperimentale di Uber ha investito una ciclista uccidendola, l’altro è successo a Tesla; per questo molte aziende che stanno progettando questi tipi di vetture devono essere sempre più prudenti.

Il modello che nascerà dagli accordi tra Google e Jaguar Land Rover si chiamerà I-Pace e dovrebbe entrare in produzione nel 2020, vendendo circa 20.000 unità in due anni, secondo le previsioni. L’azienda inizierà a testare le macchina a Phoenix, in Arizona.

Waymo ha una flotta Chryser Pacifica senza conducente; i camion a guida autonoma stanno anche iniziando a percorrere delle strade di Atlanta, trasportando merce. Sono stati fatti dei test su strada da Waymo in California e in Arizona e l’azienda vuole iniziare le prove con carico a bordo, in modo da studiare la guida autonoma in reali situazioni di trasporto.

Blackberry, un tempo azienda di telefonia, oggi è impegnata nei test sulle strade di Ottawa, in Canada, dove le auto a guida autonoma possono girare a condizione che un pilota di controllo resti dietro il volante. L’azienda tiene ovviamente monitorata la situazione delle indagini in Arizona, dicendosi pronta a smettere immediatamente nel caso in cui dovessero esserci dei rischi per le persone sulla strada.

Blackberry ha anche stretto un accordo con Baidu, che si occupa di ricerca nell’ambito dei servizi internet e dell’intelligenza artificiale. L’azienda cinese ha garantito a Blackberry una collaborazione funzionale per realizzare le tecnologie avanzate che servono ai veicoli che si guidano da soli, senza conducente. Baidu sperimenterà in Cina, grazie all’autorizzazione concessa dal governo di poter usare le strade della città di Pechino per i test.

Nvidia, società che produce schede grafiche e che fornisce Uber dei chip usati sui veicoli, ha deciso invece di interrompere i test sulle strade pubbliche. Altre realtà avevano sospeso le sperimentazioni, riprese poi dopo aver conseguito l’autorizzazione dalla motorizzazione dell’Arizona.

Secondo uno studio di Intel e Strategy Analytics, il mercato delle automobili che si guidano da sole, senza il conducente, dovrebbe valere all’incirca sette trilioni di dollari; attendiamo i risultati delle indagini per Uber e quindi grandi sviluppi.

jaguar i-pace elettrica autonoma

MOTORI Lo strano caso del mercato delle auto senza conducente