Le strade più pericolose d’Italia: ecco quali sono

Periodicamente l’ACI rilascia i dati che riguardano il tasso di incidentalità e le strade più pericolose del Paese

Non è la prima volta che parliamo di strade pericolose e della percentuale di incidenti che purtroppo si verificano ogni anno su determinate tratte (autostradali e non) in Italia. È l’ACI a rendere noti i dati, da cui emerge che per gli automobilisti italiani l’ingresso urbano nell’A24 è assolutamente la strada più pericolosa.

Seguono poi il Raccordo di Reggio Calabria e la Tangenziale Nord di Milano. Per quanto riguarda i piloti che viaggiano invece a bordo della loro due ruote, la strada meno sicura e che incute più “paura” è la SS01 Aurelia, seguono poi il Raccordo Anulare di Roma e la SS 145 Sorrentina. E non è tutto, abbiamo anche i dati analizzati dal punto di vista dei pedoni, per i quali la strada peggiore è nuovamente l’Aurelia, ma hanno un alto tasso di pericolosità anche la SS Adriatica e la Casilina.

Possiamo anche dire quali sono i momenti più pericolosi, in cui purtroppo si verificano la maggior parte degli incidenti, non è la prima volta che analizziamo questo dato e che raccomandiamo sempre massima prudenza alla guida. Il giorno in cui si verificano più sinistri stradali è senza alcun dubbio il venerdì, con un percentuale del 15.4%; le ore più critiche vanno dalle 18 alle 20.

Oltre ai giorni, sappiamo anche quali sono i mesi più pericolosi per viaggiare su strada: a giugno e luglio si verificano la maggior parte degli incidenti in Italia. Se prendiamo in mano i dati del 2010, possiamo dire che gli incidenti sono diminuiti del 19.4% e i morti del 18.2%; dato positivo e rassicurante, per il quale si deve ringraziare l’aumento della sicurezza stradale. Se prendiamo però in esame i dati del 2017, purtroppo dobbiamo constatare che gli incidenti sono aumentati dell’1.5%, ma i morti fortunatamente diminuiti dell’1.6%.

Le strade più pericolose d’Italia restano comunque le autostrade, a causa dell’elevato flusso di traffico e della quantità di mezzi circolanti. Nelle strade extraurbane invece la media nazionale è di 0,6 incidenti/km; quella in cui si verifica il più alto numero di sinistri stradali è la Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga nei pressi di Monza e della Brianza e in provincia di Milano. Pericolosa anche la SS131 dir – Carlo Felice in provincia di Cagliari.

E infine, chi sono le persone maggiormente colpite dagli incidenti negli ultimi anni in Italia? Sulle strade extraurbane sono motociclisti, pedoni e ciclisti. Rispetto al totale dei morti in strada i pedoni sono il 22.4%, i ciclisti il 17.8% e i motociclisti il 34.8%. L’indice di mortalità delle due ruote (motocicli e biciclette) è molto più elevato di quello delle quattro ruote.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Le strade più pericolose d’Italia: ecco quali sono