ShareNow, nasce il colosso del carsharing

La nuova piattaforma unisce i servizi offerti da Drive Now e Car2go per la mobilità connessa

Il passo avanti è stato fatto, la creazione di un servizio integrato di carsharing pronto a diventare un colosso della mobilità connessa.

L’obiettivo è quello di riuscire a mettere in campo risorse importanti e contare su tanti clienti, già comunque presenti. ShareNow pone al centro dell’attenzione la nuova idea green della mobilità, sperando di riuscire a realizzare un’enorme flotta di auto a zero emissioni. Bmw e Mercedes metteranno quindi a punto differenti servizi condivisi per ottimizzare l’esperienza della guida condivisa in città.

Car2go e DriveNow si trovano riuniti oggi in un’unica realtà con lo stesso obiettivo, diventare un leader del settore. Oggi la flotta è composta da 20.000 auto e la piattaforma opera in 30 città in Europa e Nord America. I clienti di ShareNow oggi sono più di 4 milioni in tutto. L’amministratore delegato di Car2go Olivier Reppert guiderà quest’offensiva e ha dichiarato: “La vision di Share Now è chiara, sviluppare una mobilità sostenibile per e con le città, riducendo traffico ed emissioni. Il nostro servizio di carsharing migliora la qualità della vita nelle città, proprio perché offre un’alternativa economicamente efficiente e flessibile al possesso dell’auto”.

Quello che ShareNow si aspetta dal futuro è incentrare tutto sulla mobilità elettrica, città e location con flotte a zero emissioni. Ad oggi i veicoli con questo tipo di propulsione che si possono noleggiare sono 3.200, usufruibili al momento ancora prenotandoli grazie alle app dei due operatori Car2go e DriveNiw, in attesa della creazione della piattaforma unificata ShareNow. Le auto disponibili sono tutte Bmw, Mercedes, Mini e Smart, oggi a Milano ce ne sono 1.440 pronte alla circolazione. Chi oggi risulta iscritto ad uno dei due servizi potrà registrarsi gratuitamente a ShareNow, l’obiettivo è proprio quello di avere un servizio completamente integrato, un colosso leader del settore.

La partnership tra Bmw Group e Daimler presentata a Berlino il mese scorso ha fruttato quindi questo nuovo legame e ha creato ShareNow per la mobilità condivisa, ma non è tutto. Ne fanno parte anche altre società, Charge Now, Park Now, Reach Now e Free Now che andranno a soddisfare diverse esigenze, offrendo servizi integrati. Gli utenti potranno così avere a disposizione anche supporto per quanto riguarda la ricarica delle elettriche, il parcheggio e molto altro ancora. Un nuovo modello di mobilità del futuro, connessa e ecosostenibile.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI ShareNow, nasce il colosso del carsharing