Salone di Ginevra confermato nonostante l’allarme Coronavirus

Il Salone dell’Auto di Ginevra è in programma dal 5 al 15 marzo 2020.

*A differenza di quanto confermato nei giorni scorsi dall’organizzazione, il 28 febbraio 2020 il Salone dell’Auto di Ginevra è stato annulllato. Potrete avere maggiori informazioni in questo articolo.

– 24 febbraio 2020 – Manca davvero poco all’apertura della 90esima e importantissima edizione del Salone di Ginevra, evento che ogni anno accoglie visitatori da tutto il mondo. In questi giorni di caos dovuto all’allarme Coronavirus però si è temuto il peggio per il Salone.

Tanti i rumors che parlavano dell’annullamento dell’edizione che avrà luogo dal 5 al 15 marzo, eppure la scorsa settimana è stato confermato con fermezza lo svolgimento del Salone di Ginevra 2020, una delle poche esposizioni annuali al mondo e di sicuro l’unica in Europa. Quindi lo spettacolo ci sarà, è garantito, e le novità previste saranno davvero moltissime, lo anticipano i 150 espositori presenti, tre dei quali sono i super fedeli brand Fiat, Renault e Bentley.

Le assenze saranno comunque molte, ma legate anche al fatto che ormai nel 2020 molti brand non credono più nei Saloni e li considerano obsoleti nella nostra ‘epoca moderna’. Per riempire gli spazi vuoti gli organizzatori hanno creato qualcosa di mai visto prima. Innanzitutto è stata realizzata una fantastica pista indoor di 450 metri, dove tutti potranno guidare le nuove auto elettriche.

Tra i punti di forza del Salone di Ginevra, da sempre, c’è la meticolosità svizzera con cui viene organizzato l’evento, oltre alla vicinanza all’aeroporto, alla comodità degli altri mezzi di trasporto e alla disponibilità di tantissimi parcheggi. E così, mentre praticamente tutti i Paesi stanno annullando gli eventi, la kermesse svizzera resiste, nonostante la preoccupazione sia ovviamente alta, soprattutto dopo le ultime vicende che proprio questo week end hanno coinvolto il nord Italia.

Innanzitutto non dimentichiamo che l’Italia è uno Stato chiave per il Salone, tra Case e visitatori. Lamborghini ha rinunciato alla sua partecipazione, confermata invece quella di Fiat e Alfa Romeo. La prima mostrerà finalmente la 500 elettrica e le versioni ibride di Panda e 500, il Biscione probabilmente porterà invece la versione di serie della Tonale, giusto un anno fa aveva lanciato la concept.

Anche i visitatori dall’Italia sono sempre tantissimi, sia per la vicinanza territoriale sia per la grande passione del Bel Paese da sempre per il mondo dei motori. Il Salone comunque sarà aperto dal 5 al 15 marzo tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00, sabato e domenica dalle 9.00 alle 19.00. Il biglietto costa 16 franchi svizzeri se acquistato online e 21 allo sportello. Sono previsti sconti e riduzioni anche per i treni che raggiungono Ginevra.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Salone di Ginevra confermato nonostante l’allarme Coronavirus