Autovelox: arriva la rivoluzione. Ecco tutte le novità

Rivoluzione in arrivo per l'autovelox: tra decreti ministeriali e riforma del Codice della Strada, sono diversi i cambiamenti che trasformeranno uno dei grandi nemici degli automobilisti, fuori e dentro le città.

Rivoluzione in arrivo per l’autovelox: tra decreti ministeriali e riforma del Codice della Strada, sono diversi i cambiamenti che trasformeranno uno dei grandi nemici degli automobilisti, fuori e dentro le città.

 Una delle principali novità riguarda a chi finiranno i guadagni incassati dalle multe derivanti da autovelox: con un decreto atteso da quattro anni che renderà attiva la legge 120/2010, infatti, i Comuni dovranno spartire i proventi con i proprietari delle strade extraurbane, ovvero Province, Regioni e Stato, ai quali peraltro non aveva mai neppure dovuto presentare i conti.
 
Peraltro in base al Codice della Strada, i Comuni avevano l’obbligo di reinvestire metà dei solti guadagnati grazie agli autovelox in sicurezza stradale, ad esempio curando il manto stradale.
 
Tuttavia i controlli in materia sono sempre stati quantomeno lacunosi, anche perchè il ricavo di questa tipologia di multe non viene differenziato dalle altre, come quelle per il mancato pagamento delle strisce blu o per l’ingresso non autorizzato in zone di traffico limitato.
 
L’altra grande novità sugli autovelox è invece legata alla riforma del Codice della Strada e riguarda la possiblità di installazione fissa su qualsiasi strada cittadina. La normativa vigente prevede che gli autovelox fissi siano utilizzabili sono sulle strade urbane ad alto scorrimento con limite a 70 chilometri orari.
 
Dopo la riforma, invece, i Comuni potranno mettere gli autovelox su qualsiasi arteria cittadina, anche con il limite più basso, ad esempio di 50 chilometri, con le abituali "avvertenze" di segnalare chiaramente sia il limite di velocità che la presenza degli autovelox. Certo, in tutto ciò sarebbe da verificare cosa si intenda per "chiaro" o "visibile", zona grigia che in caso di contenziosi su multe ha spesso favorito le casse comunali piuttosto che le tasche degli automobilisti.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Autovelox: arriva la rivoluzione. Ecco tutte le novità