RC Auto: in vista un aumento dei prezzi

RC Auto, aumenti in vista per il 2023: a causa dell'inflazione è previsto un incremento del prezzo per le assicurazioni degli automobilisti italiani

La classe di merito assicurativa è destinata a salire per tanti automobilisti italiani: a rivelarlo è una stima realizzata dall’osservatorio di Facile.it che ha calcolato un aumento per almeno 815.000 assicurati in Italia nei prossimi mesi.

In base all’analisi del comparatore, realizzata attraverso un campione di più di 720.000 preventivi raccolti su Facile.it nell’ultimo mese, il numero di automobilisti italiani che devono fare i conti con i rincari è cresciuto del 2% rispetto all’anno scorso.

RC Auto in aumento: i prezzi per il 2023

Gli aumenti non valgono solo per chi ha provocato, del tutto o in parte, un sinistro: le tariffe delle polizze assicurative sono diventate più costose per tutti, anche per gli automobilisti virtuosi. A dicembre 2022 assicurare un veicolo in Italia richiedeva in media 458,06 euro, il 7,23% in più rispetto al mede di dicembre del 2021. Il trend è destinato a proseguire anche nel nuovo anno, con aumenti previsti nei prossimi mesi.

Sono diversi i fattori che vanno a incidere sulla tendenza al rialzo delle polizze assicurative: da una parte l’incremento degli incidenti stradali, dall’altro l’inflazione galoppante che ha colpito l’Italia in ogni settore e si ripercuote in maniera negativa anche sul costo dei sinistri.

In un particolare momento storico condizionato dai rincari, anche il mondo delle assicurazioni deve fare i conti con l’aumento dei prezzi. Per gli automobilisti italiani, confrontare le diverse offerte presenti sul mercato può diventare una soluzione utile per risparmiare qualcosa e contrastare così l’innalzamento dei costi.

L’onda lunga degli aumenti del prezzo delle polizze è iniziata già nel corso dell’anno passato, portando tanti italiani a non rinnovare le proprie assicurazioni: i risultati di un’indagine commissionata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat rivela che nei primi nove mesi del 2022 più di 700.000 automobilisti nel nostro Paese hanno dichiarato di aver saltato il pagamento del rinnovo dell’assicurazione auto a causa dell’incremento generalizzato dei costi.

Il numero dei morosi è destinato ad allargarsi ulteriormente: basti pensare che più di 1,5 milioni di italiani ha ammesso di poter essere obbligati a saltare il prossimo rinnovo dell’RC Auto di fronte all’arrivo di nuovi rincari.

Assicurazioni auto: la mappa dei rincari

La ricerca condotta da Facile.it consente di avere una mappa dei rincari su base regionale: se a livello nazionale la percentuale di automobilisti italiani che hanno dichiarato un sinistro nel 2022 è stata pari al 2,51%, le percentuali cambiano a seconda delle varie regioni d’Italia.

La Liguria guida la classifica delle regioni dove aumenterà il costo dell’RC Auto: il 3,32% degli automobilisti liguri pagheranno di più nel 2023. Al secondo posto nella graduatoria degli automobilisti che vedranno aumentare la classe di merito dell’RC Auto ci sono quelli del Lazio, seguiti dai piemontesi. In Calabria, Basilicata e Molise, invece, si segnalano percentuali più basse rispetto ad altre zone del Paese.

Dai dati forniti da Facile.it emerge che gli automobilisti compresi nella fascia d’età tra i 19 e i 21 anni sono quelli che hanno denunciato il minor numero di incidenti con colpa. Il valore più alto si registra tra gli over 65. Gli agenti di commercio risultano la categoria che in generale ha dichiarato sinistri con colpo con la maggiore frequenza, seguiti dai pensionati e dai liberi professionisti.