Un piede nel futuro, la guida autonoma nei piani FCA

Ecco le dichiarazioni sui futuri aspetti finanziari, le prestazioni e le aspettative della Società

Fca ha pubblicato le proprie dichiarazioni previsionali in merito al raggiungimento di alcuni importanti obiettivi.

Si tratta principalmente di misure riguardanti il debito industriale netto, i ricavi, il flusso di cassa libero, gli investimenti di capitale, i costi di ricerca e sviluppo e altre spese importanti per il futuro. È tutto quello che FCA si aspetta, ciò che progetta, gli obiettivi a lungo termine. Non si tratta di garanzie di prestazioni a venire. È tutto basato sullo stato attuale del Gruppo, si tratta di proiezioni su eventi prossimi, soggette quindi per natura a rischi e incertezze. Dipendono da circostanze che possono o non possono accadere e quindi anche i risultati effettivi potrebbero essere differenti rispetto a quelli espressi nelle dichiarazioni.

Detto ciò, FCA si impegna per lanciare nuovi prodotti con successo, per mantenere alti i volumi di vendita, nonostante i possibili cambiamenti economici e politici che potrebbero generare anche mutamenti nella domanda di automobili, come anche possibili differenti condizioni nella politica commerciale o nell’imposizione di nuove tariffe per l’industria automobilistica, o l’attuazione di riforme fiscali o modifiche di leggi e regolamenti fiscali.

FCA si pone come obiettivo quello di espandere i vari marchi del Gruppo a livello globale, offrendo prodotti innovativi e attraenti per il pubblico; di sviluppare, fabbricare e vendere veicoli con caratteristiche avanzate, come sicuramente l’elettrificazione potenziata e le auto a guida autonoma, tutto questo con la consapevolezza di trovarsi in un ambiente con un alto livello di concorrenza, volta anche ad aumentare. La Società vuole mantenere alta la capacità di accedere ai finanziamenti per eseguire il Piano aziendale del Gruppo e migliorare il business, per garantire ottimi risultati nelle operazioni, oltre che saper realizzare i miglioramenti previsti dagli accordi di joint venture, implementare e eseguire con successo tutte le più efficaci iniziative strategiche, nonostante i possibili rischi dati da eventuali difficili rapporti con dipendenti, rivenditori e fornitori, aumento dei costi, rischi di mercato, variazioni dei tassi di interesse e fluttuazioni dei tassi di cambio, possibili disordini politici e civili, calamità e altre incertezze.

FCA dichiara quindi, ad oggi, le proprie aspettative e i propri progetti futuri, mettendo in evidenza i vari rischi e fattori che potrebbero compromettere la realizzazione di tali risultati, prendendosi la libertà e la responsabilità di aggiornare il documento, qualora dovesse cambiare qualcosa. È ben evidente quanto la Società voglia puntare sulla programmazione delle auto a guida autonoma, a partire dal livello 1, quello standard già presente oggi su alcune auto, che consente al conducente di avere semplice supporto, per arrivare al livello 5, il massimo per la guida autonoma, che vedrà la sparizione completa del volante dalle vetture.

MOTORI Un piede nel futuro, la guida autonoma nei piani FCA