Allarme petrolio: si esaurirà in pochi decenni

Dati preoccupanti dallo studio annuale della British Petroleum

Il petrolio è agli sgoccioli e cresce quindi l’esigenza di ricerca e sviluppo di energie alternative: l’allarme su quella che resta "il carburante" per eccellenza della vita sul pianeta è stato lanciato dalla British Petroleum nella 63^ edizione della Statistical review of World Energy.

Secondo lo studio, le riserve mondiali dell’oro nero – e considerando anche gpl e ‘condensati’ – potrebbero esaurirsi nel 2067 se il tasso annuale di consumo non diminuirà, cosa improbabile se si considera che nel 2013 i consumi stessi sono cresciuti dell’1,4%, valore superiore dello 0,8% rispetto alla produzione.

Le riserve accertate – tradotto: ce ne potrebbero alcune segrete che alcuni Stati non vogliono rivelare magari per tenere alto il prezzo del petrolio – sono quantificate in 1.687,9 miliardi di barili, sufficienti quindi a rispondere alla domanda globale per i prossimi 53,3 anni.

Per quanto riguarda il 2013 gli Stati Uniti sono tornati per la prima volta dal 1999 ad essere il Paese con la maggior crescita di consumi, superando la Cina: oltre 400mila i barili al giorno utilizzati negli States a fronte dei 390mila del paese orientale. A livello di incremento delle riserve, il Paese che vi ha maggiormente contribuito è stato la Russia con 900 milioni di barili, seguito dal Venezuela con 800mila.

A detenere la quota principale delle riserve restano comunque i membri dell’Opec con il 71,9%: più in generale, le riserve petrolifere sono aumentate del 27% nello scorso decennio, per un totale di 350 miliardi di barili.

Per quanto riguarda il prezzo, infine, lo studio della BP ha sottolineato come il prezzo del barile sia rimasto negli ultimi tre anni superiore ai 10 dollari, seppure con una leggera riduzione (-3,01 dollari) nel 2013 rispetto al 2012. L’anno scorso il prezzo medio del Brent – ovvero del petrolio europeo, utilizzato come riferimento per il prezzo del 60% del petrolio mondiale – è stato di 108,66 dollari al barile.

MOTORI Allarme petrolio: si esaurirà in pochi decenni