Pasqua in quarantena, gli italiani non rispettano le regole: troppe multe

Tantissimi i controlli effettuati in questi giorni dalle Forze dell'Ordine, troppe le multe e le denunce

Abbiamo trascorso tutti questa Pasqua così unica e speciale, purtroppo per motivi che non sono per niente piacevoli, anzi. La causa è ancora il Coronavirus, questa maledetta epidemia che sembra non voler abbandonare il nostro Paese e che ci costringe al lockdown: restare tra le mura di casa propria è una delle misure per cercare di contrastare la diffusione del Covid-19.

Il week end appena trascorso è stato sicuramente anomalo, ma forse non per tutti. Chi rispetta in maniera molto diligente le regole da quando sono state imposte, si sente tradito da tutti quegli italiani che invece, per qualsiasi scusa banale, escono ogni giorno, non rispettando chi davvero sta male e chi non varca la porta di casa perché è giusto che sia così. Purtroppo da tempo pensavamo a questa Pasqua e a chi, pur di festeggiare, sarebbe uscito per andare a casa di amici e parenti, speravamo in un po’ più di rispetto e invece i controlli delle Forze dell’Ordine mostrano un quadro per niente rassicurante.

Tanti, davvero troppi, i furbetti che hanno comunque deciso di trasgredire l’obbligo di quarantena nella propria abitazione. La Polizia nel week end ha lavorato con l’aiuto di elicotteri e droni e le multe elevate sono state quasi 14.000, le denunce più di 100. Uno scenario davvero raccapricciante. Tra queste persone, tra l’altro, 19 positivi al Coronavirus, che hanno trasgredito l’obbligo di non allontanarsi per alcun motivo dalla propria abitazione. Le sanzioni elevate in tutto nel week end sono 26.270, i controlli effettuati 494.282. C’è da dire comunque che le città, con tutti i possibili luoghi di incontro chiusi, erano vuote e desolate.

Tanti per fortuna hanno rispettato le regole, dobbiamo dirlo, ma troppi non lo hanno fatto. Chi di voi ha visto il video delle mega grigliate organizzate su un terrazzo condominiale di Palermo? La Polizia ha dovuto interrompere i festeggiamenti, lo stesso è successo purtroppo anche in altre zone d’Italia. Gli amministratori locali hanno definito queste persone ovviamente irresponsabili, tanti di loro sono stati denunciati, alcuni arrestati. Anche a Lodi un ragazzo positivo al Coronavirus ha invitato degli amici a casa, purtroppo è accaduto anche questo.

Messe organizzate con i fedeli presenti in chiesa, corse clandestine, gente che se la prende con i rider che fanno le consegne a domicilio, addirittura un uomo ha sparato ad un fattorino dalla finestra, la situazione è degenerata parecchio in questi giorni. Troppi anche quelli che hanno cercato di raggiungere le proprie seconde case e i luoghi di vacanza, per fortuna tanti tentativi sono stati vani. Su alcune strade si sono addirittura formate code a causa dei posti di blocco, a Milano le multe fatte su un totale di 12.000 controlli sono state 487.

Il comandante dei vigili, Marco Ciacci, ha spiegato: “Della gente in giro effettivamente c’è, ma i controlli dimostrano che le persone che fermiamo sono quasi tutte in regola, la percentuale di gente che non è in regola è veramente bassa, quasi il 5%”, tiriamo un sospiro di sollievo. Le multe non sono fioccate comunque solo in città, ma anche sui litorali italiani, per chi non ha resistito e ha provato a andare in spiaggia. Nulla da dire, speriamo vivamente che questa situazione migliori presto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Pasqua in quarantena, gli italiani non rispettano le regole: troppe mu...