Parco auto in Italia: pochi acquisti rispetto alle rottamazioni

Gli italiani utilizzano sempre di più l’auto per gli spostamenti, il problema è che molte sono vecchie

Secondo dati e statistiche gli italiani oggi si spostano sempre di più con la propria auto, nel 2018 gli spostamenti sono aumentati del 4.8% e i km percorsi del 7.5%, sei spostamenti su dieci oggi vengono effettuati in auto.

Il dato è positivo, soprattutto dopo l’arretramento che invece si era registrato nel 2017, i dati del MISE certificano infatti un aumento del consumo del carburante, nonostante i prezzi siano notevolmente aumentati, questo significa quindi che le persone scelgono sempre di più la macchina appunto per i propri spostamenti, si nota anche che la consistenza del parco auto in Italia è aumentata raggiungendo livelli da record, il problema continua ad essere però lo stesso: i veicoli sono sempre più vecchi.

Tutto questo emerge dai dati raccolti grazie al “Rapporto sulla Mobilità degli Italiani elaborato da Isfort con la collaborazione scientifica di Agens, Anav e Asstra”, come si legge su ANSA. Oltretutto i dati raccolti confermano anche che il ‘Tasso di Mobilità Sostenibile’, ovvero quello che misura le quote degli ‘spostamenti meno inquinanti’, quindi quelli a piedi o in bicicletta o ancora con i mezzi pubblici, è ancora sotto la soglia del 40%, e si registrano anche delle notevoli differenze territoriali. In particolare l’Osservatorio “Audimob” di Isfort lo ha stimato al 37.1% nel 2018, in leggero calo rispetto al 2017, anno in cui il tasso era del 37.9%.

L’auto quindi è la maggior scelta dagli italiani per i propri spostamenti, è vero, ma come abbiamo detto i veicoli circolanti sono ancora troppo datati e nemmeno Ecobonus e vari incentivi sono riusciti a cambiare la situazione. Secondo il rapporto Isfort infatti le macchine circolanti sono più di 39 milioni, cresciute dell’1.3% nell’ultimo anno e dell’8.1% negli ultimi 10 anni. Le immatricolazioni però continuano a calare, infatti anche dal 2017 al 2018 sono diminuite del 2.5%.

Questo non fa altro che dimostrare quindi che rispetto alle nuove vetture immesse sul mercato, il numero di rottamazioni di quelle vecchie continua ad essere inferiore e troppo basso. Il parco auto quindi non si riesce a svecchiare in Italia, dove l’età media delle macchine circolanti è di 11,3 anni. Nonostante questo comunque diciamo che dal punto di vista ecologico il Bel Paese è migliorato negli ultimi anni, nel 2010 i veicoli più inquinanti erano più del 60%, oggi siamo arrivati al 38%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Parco auto in Italia: pochi acquisti rispetto alle rottamazioni