Nuovo codice della strada: le novità da sapere

Filtrano sempre maggiori indiscrezioni su quello che sarà il nuovo Codice della strada: il testo unico della legge delega sulla riforma del codice è stato approvato dalla Commissione Trasporti della Camera e in autunno dovrebbe approdare in Aula. Tra le tante novità, legate soprattutto alla sicurezza stradale, ci dovrebbe essere la patente a punti anche per i minorenni.

Filtrano sempre maggiori indiscrezioni su quello che sarà il nuovo Codice della strada: il testo unico della legge delega sulla riforma del codice è stato approvato dalla Commissione Trasporti della Camera e in autunno dovrebbe approdare in Aula. Tra le tante novità, legate soprattutto alla sicurezza stradale, ci dovrebbe essere la patente a punti anche per i minorenni.

PATENTE A PUNTI PER MINORENNI – I conducenti dei ciclomotori non superiori ai 50cc o delle cosiddette "minicar" con patente AM e i guidatori di moto e scooter fino a 150 cc con patente A1 potranno quindi subire non solo revoca, sospensione o ritiro della patente ma anche, nei casi previsti dalle normative, la decurtazione dei punti.

125 IN AUTOSTRADA – Codice più rigido, dunque, anche se dall’altra parte ci sarà la possibilità dei centuari maggiorenni in sella alle 125 di andare anche in autostrada.

NOVITA’ PER NEOPATENTATI – Tra le altre misure previste, novità anche per neopatentati: nel primo anno potranno guidare auto che superano i 55 kW/tonnellata se avranno al fianco una persona di età non superiore ai 65 anni ma patentata da almeno dieci. In ogni caso il divieto di guidare un’auto potente "non potrà avere durata superiore ai sei mesi quando il coducente neopatentato, nel medesimo intervallo, non si sia reso responsabile di violazioni da cui derivi decurtazione di punteggio". La norma in realtà rischia di essere però controproducente: un neopantento potrebbe infatti semplicemente non guidare per sei mesi per evitare la suddetta decurtazione per poi mettersi al volante di un’auto "potente" ed essere quindi pericoloso quanto se non più di un fresco patentato che abbia fatto più pratica appena conseguita la licenza di guida.

RINNOVO PATENTE ANZIANI OGNI ANNO – Più attenzione anche al rinnovo della patente da parte degli anziani: gli ultraottantenni dovranno rinnovarla ogni anno e non ogni due, salvo preferiscano mantenere i due anni cambiando però la patente "vecchia" in patente AM per guida di ciclomotori a tre ruote o quadricicli leggeri, leggasi minicar.

SUPERMULTA – Infine, il nuovo Codice prevederà una limitazione dei casi nei quali gli autisti "pericolosi" evitino la decurtazione punti pagando un supplemento di multa di 274 euro. Ancora non è stato chiarito come ciò avverrà, anche se si avanzano le ipotesi di "supermulta". Ancora in stand-by, invece, ogni discorso relativo all’introduzione del reato di omicidio stradale, che potrebbe prevedere la revisione non solo del Codice della strada ma pure del Codice Penale, con iter ben più complesso e lungo

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuovo codice della strada: le novità da sapere