Nuove linee guida per le barriere di sicurezza sulle strade italiane

Sostituzione e riqualificazione delle barriere di sicurezza installate sulle infrastrutture italiane

Le società concessionarie autostradali hanno ricevuto le innovative linee guida per le barriere di sicurezza.

È stato l’Ufficio ispettivo territoriale di Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a notificarlo per sostituire o riqualificare quelle che sono le barriere di oggi. La nota spiega che si tratta di un documento realizzato in occasione di un tavolo tecnico specifico. Il 24 giugno scorso infatti la Direzione Generale Vigilanza Autostrade del Mit aveva prescritto di riqualificare le barriere di sicurezza. L’obiettivo è diminuire gli incidenti mortali su strada.

Le nuove linee guida possono essere valide per tutte le autostrade e strade italiane e forniscono i criteri per intervenire sulle varie arterie in base alla pericolosità, grazie a un indice prestazionale generale che calcola vari fattori quali l’incidentalità del tratto, la velocità di progetto, l’esposizione della strada e la classe di contenimento della barriera.

Con i tecnici del Mit il Governo “vuole dare grande impulso alla messa in sicurezza delle infrastrutture, impartendo ai concessionari direttrici chiare e obbligandoli a sostituire, a partire dai tratti più pericolosi, le barriere di sicurezza vetuste esistenti con sistemi di nuova generazione più performanti”, così prosegue la nota.

Nonostante nel 2018 le vittime della strada sono state leggermente in calo, gli incidenti mortali in Italia sono ancora troppi, più di 3.000 all’anno e oltre 240.000 invece i feriti. Le nuove linee guida emanate dal Mit per le società concessionarie autostradali sono quindi state ben accolte sia per quanto riguarda la sostituzione che la riqualificazione delle stesse.

Ora quindi tutti i concessionari delle autostrade hanno a disposizione le linee guida per effettuare i lavori sulle barriere di sicurezza. Si partirà dai tratti stradali più pericolosi e gli interventi si aggiungeranno a quelli già effettuati in tema di sicurezza. Tra questi ad esempio possiamo citare quelli a tutela di pedoni, motociclisti e ciclisti, o ancora il decreto salvamotociclisti e le nuove barriere protettive per chi viaggia sulle due ruote.

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti si è attivato per mettere in sicurezza tutte le strade italiane e per riammodernarle. I deputati del Movimento Cinque Stelle sostengono che questa sia la strada che continueranno a seguire per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini, partendo dalla tutela degli utenti della strada.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nuove linee guida per le barriere di sicurezza sulle strade itali...