La nuova app per la rilevazione delle sostanze stupefacenti

L’applicazione semplifica l’utilizzo di DrugCheck 3000, che rileva la presenta di droghe nel corpo

Sappiamo benissimo quanto sia severamente vietato, ovviamente perché pericolosissimo, mettersi alla guida dopo aver assunto sostanze stupefacenti. Il rischio di distrazioni e di incidenti, a causa della lentezza dei riflessi, è altissimo.

Eppure, come purtroppo succede anche con il divieto di guida in stato di ebbrezza, ci sono ancora moltissime persone che decidono di guidare sia dopo aver bevuto più del limite concesso dalla legge che dopo aver assunto droghe, pesanti o leggere. Il Codice della Strada è molto chiaro e all’art. 187 dice che “Chiunque guida in stato di alterazione psico-fisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope è punito con l’ammenda da euro 1.500 a euro 6.000 e l’arresto da sei mesi ad un anno. All’accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a due anni”.

Un’altra aggravante è che nel caso in cui la persona che si trova alla guida sia sotto effetto di sostanze stupefacenti e provochi un incidente, la compagnia assicurativa non risponde. Esiste comunque uno strumento che serve a monitorare lo stato personale di una persona in ambito appunto di assunzione di droghe, è il DrugCheck 3000 della Dräger, che oggi ha reso disponibile la nuova applicazione che permette un utilizzo più semplice dello strumento capace di captare la presenza nel corpo di vari tipi di droghe pesanti e leggere.

L’app è gratuita e la possono scariacare tutti sia con Android che con iOs e permette di eseguire la scansione, la valutazione, la documentazione e l’archiviazione dei risultati dei test. All’interno dell’app compare anche una video-guida che spiega agli utenti come si usa DrugCheck 3000 e anche come devono essere valutati i risultati del test usando la fotocamera dello smartphone. È possibile anche memorizzare i dati per successive altre ricerche.

In questo modo ogni utilizzatore può conservare e archiviare i dati dei vari test con data, ora e posizione geografica e queste informazioni sono sempre disponibili e possono essere recuperate sullo smartphone in qualsiasi momento. Il DrugCheck 3000 è in grado di rilevare la presenza di droghe nel corpo umano grazie al fluido salivare e può essere utilizzato ovunque. Alla Dräger spiegano: “Se il risultato del test è negativo, verrà visualizzata una linea accanto alla corrispondente classe di appartenenza. Ciò significa che nessuna delle sostanze è stata rilevata nel campione. Se, invece, accanto a una delle sostanze non appare una linea, il risultato, per essa, è positivo. Non appena vengono visualizzate le righe di controllo è possibile leggere i risultati. Di tutte le classi di sostanze testate, la cannabis è quella consumata più frequentemente e anche la più difficile da identificare (Thc). Questo è il motivo per cui DrugCheck 3000 è stato ottimizzato per rilevare Thc con due opzioni di misurazione: veloce o sensibile. A seconda del Thc prescelto (15 o 25 ng/mL), l’intero test antidroga richiede solo da 3 a 5 minuti”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI La nuova app per la rilevazione delle sostanze stupefacenti