Niente infrazioni del Codice? Rischi lo stesso la revisione della patente

Secondo il TAR dell'Emilia Romagna 'basta' essere un autista particolarmente irascibile

Incidenti con vittime o altre gravi violazioni del Codice Stradale? Non solo: per essere obbligati a sostenere l’esame di revisione della patente basta molto meno. A stabilirlo è stato il TAR dell’Emilia Romagna, che con la sentenza numero 467 datata 4 maggio 2016 ha imposto la revisione ad un uomo particolarmente irascibile al volante.

Il caso specifico era riferito ad un automobilista che aveva raccolto negli ultimi tempi una serie di denunce per aver molestato altre persone a seguito di alterchi per manovre pericolose che lui stesso aveva effettuato.

Dopo le denunce, l’uomo era stato condannato a dover sostenere nuovamente l’esame per la patente ma aveva fatto ricorso, ricorso che s’è invece concluso con la conferma della condanna.

Vista la situazione, infatti, il TAR ha ritenuto che l’obbligo di nuovo esame fosse necessario per chi continuava a rappresentare una minaccia alla sicurezza della circolazione.

Così, pur senza aver mai provocato sinistri, essere stato pescato in flagranza di reato o aver perso anche uno solo dei suoi trenta punti sulla patente, l’uomo è stato costretto a sostenere l’esame di revisione, una delle poche misure, vista la situazione, per poter valutare l’effettiva idoneità dell’automobilista ‘molesto’ a continuare a guidare.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Niente infrazioni del Codice? Rischi lo stesso la revisione della&nbsp...