Nasa e Uber vogliono rivoluzionare il trasporto urbano

L'obiettivo della partnership è garantire un sistema di mobilità urbana sicuro, efficiente e rivoluzionario.

La Nasa ha firmato un nuovo accordo con Uber per esplorare alte tecnologie sulla mobilità aerea urbana.

L’intento è quello di garantire un sistema sicuro ed efficiente per il trasporto aereo nelle aree popolate. Uber, in base all’accordo, condividerà i suoi piani per ampliare la rete dell’aviazione urbana; la Nasa userà gli ultimi modelli di simulazione per la gestione dello spazio aereo per poter valutare l’impatto di piccoli velivoli in ambienti affollati, droni o piccoli aerei per il trasporto di passeggeri con capacità di decollo e atterraggio verticale. Nasa e Uber sono molto entusiaste della collaborazione, vogliono affrontare tutte le sfide del mercato della mobilità aerea urbana insieme, trovando i requisiti di ricerca e sviluppo necessari. Secondo Jaiwon Shin, amministratore associato della Direzione della ricerca aeronautica della Nasa, la mobilità aerea urbana potrebbe rivoluzionare il modo in cui le persone e le merci si muovono in città e cambiare il nostro stile di vita, proprio come hanno fatto gli smartphone.

Presso la sua struttura di ricerca, all’aeroporto internazionale di Dallas Fort Worth, la Nasa utilizzerà i dati forniti da Uber per simulare un piccolo aereo che trasporta passeggeri in condizioni di traffico di punta. Le simulazioni saranno analizzate per identificare i problemi di sicurezza mentre i velivoli decollano, attraverso un sistema di controllo del traffico nei momenti di maggiore affollamento.

Il nuovo accordo amplia la partnership di Uber con la Nasa, consente di combinare l’esperienza ingegneristica su vasta scala di Uber con quella della NASA su più domini, fondamentali per consentire la mobilità aerea urbana.

La Nasa vuole assicurarsi che tutti i piccoli velivoli che fanno il proprio ingresso nel mercato siano sicuri, con un livello accettabile di rumore e senza gravare sull’attuale sistema nazionale di controllo del traffico aereo. Per questo motivo, si fa leva sulla ricerca aeronautica in corso nella gestione del traffico a bassa quota, nell’integrazione del sistema nazionale dello spazio aereo, nello sviluppo di aeromobili completamente elettrici e di aerei con capacità di decollo e atterraggio verticale, nella piena sicurezza dei sistemi. Queste attività genereranno i dati necessari per supportare la creazione di standard di settore, regole e procedure dell’amministrazione dell’aviazione federale e altre normative correlate.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Nasa e Uber vogliono rivoluzionare il trasporto urbano