Multa con autovelox, valida solo se l’apparecchio è visibile

Il controllo della velocità è un tema sentito dagli automobilisti, che porta multe salate ma non sempre valide

Parliamo oggi del controllo della velocità effettuato dalle Forze dell’Ordine tramite autovelox, l’apparecchio appositamente creato e utilizzato per le rilevazioni.

Abbiamo già visto in differenti articoli come funziona il dispositivo e anche a quali controlli sono sottoposti gli automobilisti, con le conseguenti sanzioni previste. Oggi ciò che emerge è quanto appena dichiarato dalla Corte di Cassazione, che è intervenuta per difendere tutti gli utenti della strada, andando a comunicare l’interpretazione corretta delle norme che sono contenute all’interno del Codice della Strada in ambito di limiti di velocità e sistemi di controllo da parte dei dispositivi mobili o fissi.

In particolare è stato chiarito che la multa che viene fatta dall’autovelox può ritenersi valida e in nessun caso contestabile solo se la postazione con l’apparecchio di controllo a bordo strada, oltre ad essere preceduta e ben segnalata dall’apposito cartello previsto dalla normativa, sia anche ben visibile dagli automobilisti. Quindi l’autovelox e la pattuglia presente sul posto non devono essere in alcun modo nascosti agli utenti che guidano i veicoli sulla carreggiata interessata.

La Corte di Cassazione ha deciso di chiarire la situazione e definire con precisione ciò che è scritto nel Codice della Strada, e quindi previsto dalla normativa, in seguito ad un caso. Si tratta di una contravvenzione per eccesso di velocità rilevata con un apparecchio di controllo apposito in dotazione della Polizia Stradale. Secondo quanto era stato deciso dal Tribunale, il cartello di avviso e segnalazione della postazione era stato posizionato ad una distanza esatta e regolamentare per legge, il problema è che non era stata presa in considerazione la visibilità dell’autovelox stesso e nemmeno quella della pattuglia.

La Cassazione ha invece ritenuto opportuno sottolineare che: “ la norma specifica che `le postazioni di controllo (…) per il rilevamento della velocità devono essere (…) ben visibili´ e la necessaria visibilità della postazione di controllo per il rilevamento della velocità quale condizione di legittimità dell’accertamento, con la conseguente nullità della sanzione in difetto di detto requisito, è stata da ultimo affermata anche da questa Corte”. Ecco il motivo per sui l’assenza di tale verifica rende impugnabile la multa per eccesso di velocità proveniente da autovelox.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Multa con autovelox, valida solo se l’apparecchio è visibi...