Moto insieme alle bici sulle piste ciclabili: la proposta fa discutere

Le dichiarazione della Ministra dei Trasporti hanno fatto discutere

Hanno fatto discutere le dichiarazioni della Ministra De Micheli in merito alle nuove ‘bike Lines’ aperte anche ai mezzi a motore come prima risposta emergenziale alla mobilità della “fase 2” nelle città.

La ministra De Micheli aveva proposto di introdurre nel Codice della Strada la definizione di bike lane con destinazione prioritaria alla circolazione dei velocipedi nella quale è consentita la circolazione anche dei veicoli a motore con numero totale di ruote non superiore a tre, come ad esempio i ciclomotori, i motocicli ed i tricicli”.

Come noto alcune amministrazioni cittadine, Milan in primis, hanno già provveduto a dipingere il manto stradale in alcune zone della città creando dei percorsi dedicati alle bici.

Non solo le associazioni impegnate per la mobilità sostenibile si sono dette contrarie alla proposta della De Micheli.

Anche il vice viceministro delle infrastrutture e dei trasporti, Giancarlo Cancelleri, in questa intervista a Virigilio Motori, si era detto contrario: ”Si apre una questione importante di tutela della sicurezza stradale e – in questo contesto – la Ministra sbaglia a sostenere che all’interno delle “bike lane” debbano poter circolare anche i motorini. Diverse velocità di percorrenza rischiano di innescare problemi di sicurezza: un mezzo a motore non può viaggiare nella stessa carreggiata di mezzi a pedali o a pedalata assistita

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Moto insieme alle bici sulle piste ciclabili: la proposta fa discutere