Mercedes e ACI, quando la guida elettrica è anche sicura

Giornata di test al volante di una Classe B elettrica sul circuito dell'ACI ad Arese

Come coniugare ecologia e sicurezza? Una risposta è arrivata dall’incontro organizzato da Mercedes e ACI al nuovissimo impianto di Guida Sicura sull’ex area dell’Alfa Romeo tra Lainate e Arese. Nel meeting da un lato si è fatto il punto su #IoSonoElettrica, il più grande #eTour mai realizzato in Italia che tocca ben 14 città tra ottobre e novembre nel quale si vuole guardare alla mobilità del futuro attraverso la progressiva elettrificazione dei veicoli ibridi e plug-in fino alle emissioni zero dell‘auto elettrica al 100%, e dall’altro s’è presentato un protocollo di guida sicura specifico per auto elettriche con tanto di prova sul circuito a bordo di tre Classe B rigorosamente ‘ecologiche’.

A livello di mobilità a zero emissioni, è emersa sia la necessità di uno sviluppo capillare della rete elettrica di rifornimento che faciliti l’autonomia del veicolo (quella della Mercvedes Classe B arriva a 230 km), e di soluzioni contrattuali per una ricarica ‘casalinga’ sempre più vantaggiosa, nel caso specifico con la consulenza di Enel, partner dell’iniziativa, che l’utilità di sfruttare ogni aspetto tecnologico della vettura per valorizzarne al meglio l’autonomia, in primis con le gomme, in questo caso con l’assistenza di Michelin, altro partner impegnato particolarmente nello sviluppo di pneumatici a basso rotolamento.

L’altro grande tema dell’incontro , con tanto di ‘esperienza pratica’ è stata la presentazione di un protocollo di guida sicura specifico per auto elettriche. “Il protocollo tecnico prevederà quattro prove, effettuate da istruttori professionisti dei Centri di Guida Sicura ACI, che verranno utilizzate per fornire una valutazione ed un confronto dell’autovettura, nelle due versioni elettrica e tradizionale, sia per quanto riguarda gli aspetti legati alla sicurezza che all’utilizzo efficiente (eco-drive) – ha precisato Enrico Pagliari, Coordinatore dell’Area Tecnica dell’Automobile Club d’Italia – Le valutazioni saranno secondo lo stile e la forma di quelle degli ‘EuroTest’ della FIA, ad esempio il Test EuroNCAP – con giudizi da 1 a 5 stelle – dove le 5 stelle corrispondono all’eccellenza”.

GUARDA LA GALLERY

GUARDA LA GALLERY

Le quattro prove previste sono uno slalom tra i coni, eseguito ad una velocità compresa tra 40 e 60 Km/h e teso a valutare qualità del veicolo come tenuta di strada, cambiamenti di direzione, accelerazione e  decelerazione, l’inserimento in curva, test pratico realizzato su un’area di forma curvilinea con una porzione di resina a bassa aderenza a cica 40 km/h per valutare reazioni della vettura in termini di sottosterzo e sovrasterzo, l’eco-drive, test pratico con applicazione di comportamenti e stili di guida virtuosi, finalizzati a migliorare l’autonomia del veicolo elettrico, e slide machine, prova effettuata su piattaforma di resina a bassa aderenza e irrigata artificialmente, ad una velocità di circa 40 Km/h, utile a valutare sopratutto la sensibilità e la prontezza dello sterzo alle diverse manovre, in particolare in situazioni di emergenza.

Al volante della Mercedes Classe B elettrica e dei suoi 180 CV, abbiamo potuto verificare alcune caratteristiche specifiche del mezzo elettrico che ben spiegano la necessità di un protocollo specifico. Innanzituto la rapidità con cui il motore eroga la coppia motrice, grazie al sistema elettrico, una condizione ideale nella mobilità urbana fatta di accelerazioni, decelerazioni e manovre spesso rapide. Altro aspetto fondamentale è la distribuzione dei pesi legata al peso delle batterie, che permette un baricentro più basso e una migliore distribuzione dei pesi stessi per un controllo maggiore. Senza dimenticare, infine, alcune funzionalità specifiche dell’auto elettrica legata al cambio automatico che permettono di valorizzare il sistema di modalità e assistenza alla guida e al tempo stesso di recupero di energia in frenata, anche in condizioni complicate, vedi inserimento in curva al termine di una discesa su resina a bassa aderenza e irrigata artificialmente.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Mercedes e ACI, quando la guida elettrica è anche sicura