Marchionne: “Bonus in base ai risultati”. 600 mln ai lavoratori FCA

Nuova politica retributiva nella FCA: i dipendenti parteciperanno ai risultati

Importante decisione della FCA: sulla falsariga di altre società automobilistiche, anche il gruppo italo-statunitense, che comprende pure Fiat, Lancia, Alfa Romeo, ha deciso di far partecipare tutti i lavoratori agli utili, per un investimento massimo di 600 milioni di euro nell’ambito del piano industriale 2015-2018.

"Questo nuovo sistema rappresenta un significativo passo in avanti nel coinvolgimento delle persone per raggiungere i risultati del piano industriale – ha spiegato Sergio Marchionne, ad FCA – Se gli obiettivi finali del piano saranno quelli attesi, e sono sicuro che lo saranno, tutti i nostri lavoratori in Italia avranno vantaggi economici di assoluto rilievo, che deriveranno direttamente dal loro lavoro e dal loro impegno".

"Senza il contributo e l’impegno dei lavoratori, gli obiettivi del nostro piano industriale sarebbero irraggiungibili. Per questo riteniamo che debbano ricevere benefici economici significati al raggiungimento dei risultati", ha aggiunto Marchionne.

Nella migliore delle ipotesi, il sistema può arrivare a dare ad un lavoratore di livello contrattuale medio, – ad esempio un operio specializzato – fino a 10.700 euro nel quadrienno 2015-2018. Per avere un paragone, la Porsche ha liquidato 8600 euro di bonus per i risultati del 2014.

Il sistema della FCA prevede due ‘elementi addizionali al salario base’. Il primo è un premio annuale calcolato "sui risultati di efficienza produttiva dei rispettivi stabilimenti di appartenenza parametrati sul livello raggiunto nell’ambito del WCM (World Class Manufacturing)". Mediamente, il valore di questo premio è del 5% rispetto al salario base e può arrivare fino al 7,1%.

Il secondo elemento addizionale al salario è invece collegato ai risultati economici contenuti nel piano strategico 2015-18 e raggiunti dalla FCA nell’area EMEA, inclusi i marchi premium Alfa Romeo e Maserati. In questo caso il compenso totale per il quadriennio è pari al 12% del salario base ma, qualora si verificassero risultati particolari, potrà arrivare fino al 20%. In ogni caso, anche qualora non si raggiungessero gli obbiettivi, ci sarà un’erogazione di un bonus minimo da 330 euro all’anno.

Come anticipato, FCA ha stimato in oltre 600 milioni di euro l’investimento di partecipazione agli utili per il prossimo quadriennio, un sistema che sarà esteso con gli stessi criteri del settore auto anche a quello della componentistica.

"Quello che abbiamo proposto è un sistema che riconosce la centralità dei nostri lavoratori per il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale 2015-2018", ha concluso Marchionne.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Marchionne: “Bonus in base ai risultati”. 600 mln ai lavor...