Malessere improvviso? Puoi sostare nella corsia d’emergenza

L’esigenza dell’automobilista che ha un bisogno fisiologico è riconosciuta dalla Cassazione

La sosta nella corsia d’emergenza dell’autostrada è spesso causa di incomprensioni e multe, per il motivo per cui ci si ferma.

Quello di cui parliamo oggi è il disagio di un automobilista che si trova impossibilitato a continuare a guidare a causa di un bisogno fisiologico. Capita infatti di avere delle emergenze improvvise mentre si è al volante, che impediscono di proseguire sul percorso e di rimanere concentrati alla guida. La soluzione è proprio quella di fermarsi nella corsia d’emergenza per avere la possibilità di liberarsi del problema e poter ripartire. È successo ad un automobilista nel 2013 che però, mentre si stava fermando, è stato tamponato da una moto. Per questo motivo è stato multato e ha voluto fare ricorso.

Si tratta di un problema di malessere, se una persona si sente male mentre sta guidando deve avere il diritto di fermarsi nella corsia d’emergenza per poter risolvere il suo problema. Si tratta infatti di una situazione di disagio che si presenta al guidatore, una necessità fisica transitoria che incide sulla capacità di proseguire la guida con il livello di attenzione necessario alla sicurezza propria e degli altri utenti della strada. Il bisogno fisiologico, dipendente o meno dal malfunzionamento organico, rientra in questa tipologia di disturbi transitori. Per una guida corretta e che non metta in pericolo nessuno infatti è necessaria la condizione di benessere fisico.

La normativa dice che ogni conducente di un veicolo può sostare nella corsia d’emergenza per il tempo strettamente necessario a superare il problema, che per legge non può superare le tre ore. Una volta passato quel lasso di tempo, allora scatta una multa di 431 euro e la macchina subisce la rimozione coattiva, come indicato dall’art. 176 del Codice della Strada. Il comportamento da tenere in corsia d’emergenza è fondamentale per la sicurezza, quindi in caso di visibilità limitata è importante tenere accese le luci di posizione, sempre, e indossare anche il gilet riflettente per tutto il periodo di tempo che si sta al di fuori della vettura.

Se la sosta avviene per un guasto al veicolo invece e non si riesce per questo motivo a spostare nella corsia d’emergenza o sulla piazzola, allora è necessario e obbligatorio mettere il triangolo posteriormente al veicolo stesso e ad almeno 100 metri dallo stesso.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Malessere improvviso? Puoi sostare nella corsia d’emergenza