In Germania la ”città più elettrica” d’Europa grazie a Opel

Rüsselsheim am Main, la località dove ha sede  Opel, diventerà “la Città Elettrica”.

Rüsselsheim, Opel e la RheinMain University stanno realizzando l’ampliamento dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici. Finanziata dal Ministero Federale dell’Economia, l’installazione di circa 1.300 stazioni di ricarica in tutta la città inizierà nei prossimi mesi. Le stazioni saranno posizionate in tutti i quartieri e nelle zone residenziali, sul sito di Opel, nel campus della RheinMain University, nei complessi residenziali di gewobau Rüsselsheim, nei parcheggi di alcuni supermercati e centri commerciali e sul terreno della clinica municipale (GPR). Questo ambizioso progetto, per il quale i soci hanno ufficialmente ricevuto finanziamenti per un totale di circa 12,8 milioni di euro, sarà realizzato in diverse fasi entro il 2020.

In futuro, ogni punto di ricarica pubblico servirà 72 abitanti, con la densità di stazioni di ricarica rispetto al numero di abitanti più alta non solo della Germania ma di tutta l’Unione Europea. Altri 400 punti di ricarica saranno installati su terreni privati, 350 dei quali sul sito di Opel. A confronto Amburgo, attualmente la prima città tedesca per l’infrastruttura di ricarica, ha 785 punti di ricarica pubblici per 1,8 milioni di abitanti (classificazione a cura della Associazione Federale del settore energetico e idrico).

“Il passaggio alla mobilità elettrica genera delle opportunità per Rüsselsheim. Grazie a questa partnership unica, la città può assumere un ruolo guida per l’infrastruttura di ricarica, per i veicoli elettrici e per la mobilità elettrica in Germania. Il progetto rafforzerà la vocazione industriale della città e accrescerà la nostra capacità di innovare”, ha dichiarato il sindaco Udo Bausch.

Opel contribuirà al progetto con le aree di parcheggio che saranno dotate di 600 punti di ricarica e che al termine dei lavori saranno accessibili al pubblico. Saranno inoltre installati punti di ricarica nei 350 parcheggi per la flotta di auto aziendali Opel. “Opel diventa elettrica! Questa promessa è una delle colonne portanti del nostro piano strategico PACE!. E ovviamente è importante ampliare in maniera significativa l’infrastruttura di ricarica presso la nostra sede di Rüsselsheim. Si tratta del coerente proseguimento della nostra offensiva elettrica”, ha dichiarato Michael Lohscheller, CEO di Opel.

Grazie alla collaborazione della RheinMain University, la città di Rüsselsheim diventerà un laboratorio urbano per la mobilità elettrica senza eguali in Germania. Nell’ambito del progetto saranno esaminate questioni tecniche come la stabilità della fornitura e l’integrazione nella rete, oltre ad aspetti socioeconomici come i comportamenti di mobilità. I dati relativi al comportamento di ricarica permetteranno agli scienziati di prevedere la domanda futura di elettricità e li aiuteranno a identificare le necessità dei proprietari di auto elettriche. Oltre a 20 punti di ricarica, la RheinMain University installerà anche sistemi per lo stoccaggio dell’energia, studiati per migliorare l’uso delle energie rinnovabili minimizzando così il necessario ampliamento della rete.

“L’Università fornisce un contributo significativo allo sviluppo urbano di Rüsselsheim con una ricerca elaborata specificamente per il progetto. Ciò evidenzia l’approccio che abbiamo scelto, con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente il ruolo strategico delle università nei sistemi di innovazione regionale”, ha dichiarato il Prof. Detlev Reymann, Presidente della RheinMain University.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI In Germania la ”città più elettrica” d’Europa graz...