Guidava una Ferrari ma percepiva il reddito di cittadinanza

Siamo nuovamente di fronte a un episodio assurdo, al volante di una supercar di lusso un “finto povero”

Non è la prima volta che sentiamo di grandi accuse mosse contro coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza in maniera indebita. Persone che in realtà, come poi viene dimostrato, non hanno bisogno di questo “aiuto” dallo Stato, ma lo richiedono e riescono anche a ottenerlo con l’inganno.

Oggi parliamo in particolare della Procura di Brescia, che ha iscritto ben 23 persone nel registro degli indagati. L’accusa è proprio quella con cui abbiamo aperto l’articolo: ottenimento indebito del Reddito di Cittadinanza, che nasce come misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. In particolare quindi si tratta di una forma di sostegno economico a integrazione dei redditi familiari. Chiaramente, per richiederlo, è richiesto il rispetto di determinati requisiti (vengono verificati la cittadinanza, l’ISEE, il patrimonio immobiliare e finanziario, il reddito familiare).

Chi ne ha diritto, dopo i controlli effettuati dall’INPS, riceve la Carta del Reddito di Cittadinanza, da utilizzare per gli acquisti concessi. Qual è la notizia clamorosa di oggi? Prima di tutto che la Guardia di Finanza, nell’ambito dell’inchiesta di cui abbiamo parlato prima, ha scoperto che i 23 utenti coinvolti hanno percepito in tutto più di 180.000 euro, senza averne chiaramente il diritto. Togliendoli magari ad altri soggetti bisognosi.

E non è tutto: c’è stato un caso davvero unico, scoperto sempre dai finanzieri di Brescia. Un consulente fiscale che svolge la sua attività tra la Svizzera e l’Italia, che se ne va in giro con la sua bellissima e fiammante Ferrari, nonostante percepisca il Reddito di Cittadinanza. L’uomo è un 46enne bresciano, che ha appunto ottenuto il Reddito, facendone “regolare” richiesta all’INPS, allegando all’istanza una Dichiarazione Sostitutiva Unica incompleta che, quindi, ha prodotto un valore ISEE assolutamente non veritiero.

Ecco il motivo per cui, nonostante la sua attività e la sua eccezionale Rossa di Maranello, il consulente è riuscito a ricevere ogni mese il suo Reddito di Cittadinanza, da maggio 2019 a novembre 2020, per più di 14.000 euro in tutto. È veramente assurdo. Pare che l’uomo sia stato fermato alla frontiera con la Svizzera proprio alla guida della sua auto, una Ferrari 458 cabriolet presa a noleggio. La bellissima sportiva con carrozzeria di tipo berlinetta è stata costruita dal Cavallino Rampante negli anni dal 2009 al 2015, sostituita poi dalla 488 GTB e in grado di erogare l’eccezionale potenza di 570 cavalli.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Guidava una Ferrari ma percepiva il reddito di cittadinanza