Gli italiani scoprono la passione per la guida autonoma

Il 65% degli italiani è felice di fronte all'idea di viaggiare in auto senza dover guidare

Secondo la maggior parte delle persone, il futuro dell’auto sarà a guida autonoma e, almeno per quanto riguarda gli italiani, si tratta di una buona notizia. In base a quanto emerso da una ricerca dell’Osservatorio Findomestic, il 79% degli italiani ritiene che l’auto a guida autonoma sarà una realtà e ben il 65% degli italiani – la percentuale più alta tra i paesi occidentali – è felice di fronte alla prospettiva di poter viaggiare in auto senza dover guidare.

Numeri alti, se si considera che la media mondiale per chi pensa ad un futuro di guida autonoma per l’auto si aggira intorno al 75% e , soprattutto, se si considera che il “non guidare” seduce mediamente il 55% del campione con percentuali record nei Paesi emergenti: il 91% dei cinesi mostra entusiasmo per la vettura a guida autonoma, primeggiando davanti all’81% della Turchia ed al 73% del Brasile. Scarso, invece, l’appeal della guida autonoma negli Stati Uniti, dove solo 32% degli intervistati s’è detto affascinato da questo tipo di vetture.

Chi realizzerà queste auto? Le aziende specialiste nel mondo della tecnologia, come Google o Apple, sembrano avere possibilità di competere con i tradizionali costruttori, tanto da essere legittimate dal 46% degli automobilisti (44% in Italia), che le ritengono in grado di “traghettarci” dall’auto tradizionale a quella a guida autonoma. Infatti, il 66% degli automobilisti italiani ed il 55% di quelli internazionali è pronto a dire “sì” ad una vettura Google o Apple.

Ma cosa farebbero gli italiani se potessero non guidare in auto? Il 48%, tra le altre cose, si divertirebbe, il 35% parlerebbe con gli altri passeggeri mentre il 37% approfitterebbe della situazione per dormire. ‘Solo’ Il 23% penserebbe invece di lavorare mentre il 37%, starebbe comunque attento al traffico. Va bene la fiducia nella guida autonoma ma, evidentemente, buttare un occhio alla strada non fa mai male.

MOTORI Gli italiani scoprono la passione per la guida autonoma