Gite scolastiche: è allarme sicurezza. I numeri dello scandalo

Emerge un quadro preoccupante dagli oltre 2000 controlli della Polizia

Una situazione preoccupante: solo così si può definire il quadro emerso dall’operazione della Polizia di Stato “Gite scolastiche in sicurezza”,  pianificata con il Ministero dell’Istruzione ed effettuata tra febbraio e marzo.

L’operazione mirava a verificare la condizioni nelle quali si svolgevano le gite studentesche: ebbene, in due mesi 1.150 pattuglie della Stradale e di forze ausiliarie hanno controllato 2.051 autobus (1.355 su richiesta delle stesse scuole), fermando 462 veicoli che presentavano irregolarità, per una percentuale di oltre il 22%. In pratica, più di un autobus su cinque non era in regola.

Nello specifico, 123 autobus avevano dispositivi di equipaggiamento alterati o non funzionanti, 54 autisti sono stati multati per eccesso di velocità, 54 autisti sono invece stati multati per mancato rispetto dei tempi di guida. Ma non è finita qui: 12 autobus non erano in regola con revisione mentre sono state riscontrate altre 12 violazioni per aver adibito al noleggio con conducente un veicolo che non era destinato all’uso. In un caso, addirittura, il veicolo per la gita era sprovvisto di copertura assicurativa.

A queste irregolarità vanno poi aggiunte ben altre 420 violazioni di altre categorie, con alcuni casi eclatanti come quello un autista di un autobus diretto a Monaco di Baviera che alle 6,30 di mattina è stato trovato positivo all’etilometro.

Dopo i controlli e sempre in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, la Polizia ha così deciso di elaborare una sorta di ‘vademecum’ per le scuole, nel quale sono stati elencati tutta una serie di controlli per organizzare una gita il più in sicurezza possibile. Ad esempio, attenzione all’affidabilità dell’agenzia che si offre per il trasporto degli alunni, almeno quanto alle ‘dotazioni di base’ (ad esempio la presenza delle cinture di sicurezza o l’usura delle gomme) del mezzo di trasporto e, soprattutto, al comportamento del conducente.

In questo senso è significativo un caso di alcuni giorni fa, con gli insegnanti che si sono rifiutati di far risale in autobus gli studenti avendo verificato un comportamento anomalo del guidatore. Poco dopo essere ripartito, il mezzo è rimasto coinvolto in un incidente, con lo stesso autista gravemente ferito.

Poche regole, dunque, ma fondamentali perché le gite scolastiche, un momento di formazione ma anche di svago per studenti, non si trasformino in un evento tragico. Per chi fosse interessato, ecco il vademecum proposto da Polizia di Stato e Ministero dell’Istruzione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Gite scolastiche: è allarme sicurezza. I numeri dello scandalo