Ferrari, la decisione che si attendeva è arrivata

Stop di due settimane alle attività produttive negli stabilimenti di Modena e Maranello

La Ferrari si ferma per il Coronavirus: stop alla produzione negli stabilimenti di Maranello e di Modena almeno fino a venerdì 27 marzo 2020. La sospensione delle attività è una misura presa nell’interesse primario del benessere dei lavoratori e segue le disposizioni già attuate a tutela della sicurezza dell’ambiente di lavoro in seguito al Decreto emanato dal Governo italiano lo scorso 11 marzo.

La decisione non è direttamente legata alla criticità sanitaria, ma è figlia di diversi problemi riscontrati nelle catene di forniture: per questo, Ferrari ha deciso di sospendere le attività e tenere a casa i propri dipendenti con effetto immediato.

Lo stop non è frutto di problemi di sicurezza, mai venuta meno negli impianti Ferrari, e nemmeno di agitazione tra i lavoratori. La decisione è stata presa dopo aver riscontrato un imminente problema con le forniture dei componenti. Per due settimane si ferma la produzione negli stabilimenti di Maranello e Modena. Come successo per la fabbrica della Lamborghini a Sant’Agata Bolognese e per gli impianti FCA di Pomigliano, Cassino, Melfi e Atessa, lo stop riguarda tutti i dipendenti, ad eccezione degli impiegati che stanno ricorrendo allo smart working e del personale che attraverso le opportune rotazioni, è necessario a garantire la continuità aziendale.

Una misura, quella adottata dalla Casa di Maranello, commentata così dal CEO Ferrari Louis Camilleri: “In un momento come questo, i miei ringraziamenti vanno prima di tutto alle persone della Ferrari, che con il loro straordinario impegno in questi ultimi giorni hanno dimostrato l’attaccamento e la passione che contraddistingue il nostro marchio – ha spiegato il dirigente del Cavallino – Assieme ai nostri fornitori, sono stati loro a garantire fino ad adesso la continuità aziendale. È proprio nel loro rispetto e per la tutela della loro serenità e di quella delle loro famiglie, che abbiamo preso questa decisione. Ferrari ha a cuore naturalmente anche i propri clienti e i propri fan, e per loro ci faremo trovare pronti a una grande ripartenza”.

Ferrari, inoltre, ha annunciato che insieme all’attività produttiva, anche la Gestione Sportiva ha sospeso le sue attività operative. Tutto fermo fino al prossimo al 27 marzo, compresa la Scuderia Ferrari in un momento in cui i problemi legati al Coronavirus stanno condizionando anche il Mondiale di Formula 1. La FIA, dopo aver cancellato il Gran Premio d’Australia, la prima gara della stagione, ha rinviato gli appuntamenti in Bahrain e in Vietnam, sospendendo anche il Gp di Shanghai previsto per il 19 aprile.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ferrari, la decisione che si attendeva è arrivata