Ferrari pronta a produrre respiratori a Maranello

Il dramma Coronavirus continua senza sosta e tutti cercano di dare un contributo in questa situazione di emergenza

Ormai non c’è più niente da aggiungere, sappiamo tutti benissimo la situazione molto grave che stiamo vivendo, una delle peggiori degli ultimi decenni, l’Italia intera è ferma a causa dell’epidemia di Coronavirus che purtroppo sembra non fermarsi.

In questo scenario così difficile comunque ogni azienda sta cercando di metterci del suo per aiutare a fronteggiare l’emergenza. Abbiamo parlato delle officine e dei gommisti che restano aperti per le emergenze, per chi comunque è costretto a lavorare e utilizzare la propria auto, abbiamo visto chiudere negozi, bar e ristoranti.

Assistiamo anche a aziende che rivoluzionano completamente la propria produzione per realizzare dispositivi di sicurezza fondamentali in questo periodo, come la Casa auto cinese che ora si è messa a produrre mascherine e disinfettanti e altre a cui invece è stato chiedo di iniziare a realizzare respiratori. Quello di cui parliamo oggi è il grande esempio di Ferrari e FCA che sono in trattativa con il più grande produttore di ventilatori d’Italia per poter dare il proprio contributo nella produzione di macchinari salvavita che, mai come oggi, servono praticamente in tutti gli ospedali, che ormai sono al collasso.

Tutte le strutture sanitarie sono in crisi, la diffusione senza sosta del contagio purtroppo ci sta mettendo tutti in ginocchio e abbiamo paura, dobbiamo restare a casa, i ricoveri in terapia intensiva sono veramente a livelli da panico. Il numero dei posti letto sta aumentando grazie ad alcuni interventi del Governo, ma servono assolutamente i respiratori per mantenere in vita i pazienti colpiti dal Coronavirus, che fanno fatica a respirare da soli.

FCA, Ferrari e Marelli sono quindi in trattativa con il produttore Siare Engineering per poter realizzare alcuni pezzi e aiutare nell’assemblaggio dei ventilatori. L’amministratore delegato di Siare, Gianluca Preziosa, ha dichiarato: “Stiamo parlando con FCA, Ferrari e Marelli per cercare di capire se possono darci una mano per la parte elettronica”. Il governo ha chiesto a Siare di aumentare la produzione mensile da 160 a 500 pezzi, e non è semplice. È attesa una decisione nelle prossime ore.

Le opzioni da valutare sarebbero le seguenti: aiutare Siare a progettare un aumento di capacità nel suo impianto, con il supporto di tecnici di Ferrari e FCA, o esternalizzare la produzione di parti di ventilatori. La collaborazione con le due Case auto inoltre, secondo Siare, avrebbe il vantaggio di garantire un potere d’acquisto per le parti necessarie, diverso da quello della sua azienda, che ovviamente è di dimensioni minori.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ferrari pronta a produrre respiratori a Maranello