Rivolta contro gli autovelox: bombe e proiettili

Con un ordigno rudimentale hanno fatto saltare in aria l’autovelox. E’ accaduto nella notte tra domenica e lunedì sulla strada Paullese, tra Milano e Cremona, all’altezza del comune di Mediglia.

Dalla sala operativa che gestisce l’apparecchio avevano inviato sul posto i tecnici, convinti che si trattase di un normale guasto. Gli addetti, una volta arrivati sul luogo, hanno scperto che l’autovelox era stato distrutto da una esplosione.

Sull’episodio hanno aperto un’indagine i Carabinieri del comando provinciale di Milano. Si analizzerano anche i filmati delle telecamere di sicurezza della zona.

Nei pressi dell’Autovelox è stato trovato un volantino, senza firma. Gli autori spiegano che il gesto è dovuto al fatto che l’autovelox servirebbe solo “per fare cassa” e non per reali esigenze di sicurezza.

Qualche giorno fa un episodio simile. Come riportato da il “Mattino” di Padova, colpi di arma da fuoco, probabilmente un fucile, hanno sfondato il vetro di un autovelox del comune padovano di Codevigo, piazzato lungo la statale Romea, al chilometro 103

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Rivolta contro gli autovelox: bombe e proiettili