Ora l’Europa prende di mira le auto ibride plug-in

L’Unione Europea ritiene che questa tipologia di vetture non sia poi davvero così ‘pulita’ come tutti pensano, e vuole analizzarne i test

Si parla sempre più spesso di motorizzazioni alternative, di soluzioni elettriche e ibride, che nei prossimi anni (e già da oggi) avranno l’obiettivo di ridurre le emissioni auto inquinanti e di conseguenza di diminuire l’inquinamento atmosferico e rendere l’aria che respiriamo più pulita. Oggi però l’Europa pare prendere di mira le motorizzazioni plug-in.

Registrati a Virgilio Motori per continuare a leggere questo contenuto
Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)