In Estonia il trasporto pubblico sarà gratuito, primo paese al mondo

Dopo l'esperimento della capitale Tallin, i trasporti pubblici saranno gratuiti nel resto della nazione

L’Estonia è una delle nazioni più evolute di tutta l’Europa e un nuovo segnale arriva dai trasporti. Dopo aver avviato una sperimentazione nella capitale, Tallin, il governo vuole rendere gratuiti i trasporti pubblici per tutti i residenti della nazione.

Il governo estone da anni è uno dei più progressisti in assoluto: ha introdotto la flat tax nel 1994 insieme alle altre repubbliche baltiche, ha fortemente voluto una digitalizzazione totale che ha portato risultati importanti, fino a permettere persino ai cittadini di votare da casa comodamente seduti di fronte ad un pc. Per continuare a stupire, l’Estonia ha in serbo un’altra novità interessante.

A Tallin nel 2013 è stata avviata una sperimentazione per consentire a tutti i residenti di usufruire gratuitamente dei mezzi pubblici. Attraverso questo esperimento, che ha riscosso grande successo tra i cittadini, a Tallin sono state ridotte le emissioni, sono stati registrati pochi incidenti stradali e il traffico è praticamente assente. Un modello virtuoso, che ha spinto tutti i cittadini ad abbandonare il mezzo privato e che ha indotto il Governo ad allargare la sperimentazione a tutta l’Estonia.

Secondo il portavoce del Comune di Tallin in materia di mobilità, Allan Alaküla, il trasporto pubblico ha avuto ricadute positive persino sull’indotto economico, dal momento che i cittadini, non dovendo affrontare il traffico, uscivano con maggiore frequenza e portavano maggiori guadagni a tutte le attività ricettive, commerciali e culturali della città.

Prima di dare il via alla sperimentazione, i residenti del Comune di Tallin hanno espresso la propria opinione nel 2013 e il risultato è stato schiacciante. Per usufruire dei mezzi pubblici gratuitamente, i cittadini dovevano acquistare una green card al costo di 2 euro e munirsi di documento di identità.

I timori iniziali sono stati spazzati via da un bilancio che non solo non è andato in negativo nonostante i mancati introiti dei trasporti pubblici, ma ha visto anzi un importante profitto, confermato da Alaküla: «Abbiamo portato nelle casse del Comune il doppio di quanto abbiamo speso, perché molte più persone sono spinte a registrarsi come residenti per usufruire dei mezzi pubblici». I vantaggi sono stati poi progressivamente estesi a tutti i turisti che lasciavano l’auto di usufruire gratuitamente dei mezzi pubblici.

Il modello virtuoso dell’Estonia, il primo al mondo, sembra però difficile da esportare. Alcuni Comuni di Germania, Polonia, Regno Unito e Francia hanno già sperimentato l’iniziativa, ma i costi da sostenere sono abbastanza alti e le prospettive di guadagno si intravedono solo nel lungo periodo. A breve, però, anche Parigi potrebbe seguire l’esempio estone e potrebbe diventare la prima metropoli della storia percorribile solo con i mezzi pubblici.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI In Estonia il trasporto pubblico sarà gratuito, primo paese al mondo