‘Ergastolo per la patente’ con la riforma del codice della strada

E' in dirittura d'arrivo la riforma del codice della strada, che punta sulla sicurezza e prevede un inasprimento delle pene.

 E’ in dirittura d’arrivo la riforma del codice della strada, che punta sulla sicurezza e prevede un inasprimento delle pene. 
 Tra le principali novità messe in campo ci sarebbe l’introduzione dell’ergastolo della patente di guida, cioè la sospensione dell’autorizzazione a condurre mezzi per chi commette il reato di omicidio stradale.
 
In sostanza la nuova legge dovrebbe inasprire le pene, già esistenti, per la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe. Se fino ad oggi erano previste pene detentive lievi e ritiro temporaneo della patente, con questa modifica, in caso di incidente con vittime, il rischio è subire una condanna come quella per omicidio colposo che prevede una pena fino a 10 anni. 
 
La revoca della patente diventerebbe così definitiva (oggi è possibile ottenerla di nuovo dopo un apposito corso), e l’effetto della nuova legge si andrebbe ad estende anche per l’omissione di soccorso. Ovviamente sono compresi sia gli incidenti che gli investimenti di pedoni e ciclisti.
 
L’onorevole Paolo Gandolfi, relatore e componente della Commissione Trasporti della Camera dei deputati, a margine della presentazione della terza edizione della "Bikers Academy" ha dichiarato: "La legge che delegherà al governo la riforma del codice della strada è pronta, arriverà in pochi giorni in Aula e darà indicazioni precise al governo su come riformare il codice della strada. Sarà una riforma epocale, che porta il codice italiano ad allinearsi con il contesto europeo".

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI ‘Ergastolo per la patente’ con la riforma del codice della...