Ecosostenibilità, l’esempio di Peugeot: la transizione energetica

La rivoluzione del mondo dell’automotive e le vetture PHEV e BEV di Peugeot

In tutti i settori oggi è molto sentito il tema dell’ecosostenibilità, anche nel grande mondo della mobilità. Si ricercano continuamente soluzioni per ridurre l’impatto delle nostre azioni quotidiane sull’ambiente che ci circonda. Si utilizzano materiali naturali o riciclati, soluzioni tecnologiche per reimpiegare gli oggetti che hanno terminato la loro vita.

Il settore auto sta attraversando una profonda rivoluzione e sta cambiando il paradigma della mobilità a tuttotondo. Il pubblico mostra sempre più interesse verso nuove fonti energetiche, ancor più rispettose dell’ambiente. Parliamo di vetture LEV (low emission vehicle), ovvero i veicoli plug-in hybrid (PHEV) e le motorizzazioni 100% elettriche (BEV), rappresentano la massima soluzione tecnologica per sfruttare le potenzialità dell’energia elettrica come fonte energetica.

In questo contesto Peugeot ha scelto di intraprendere la strada della transizione energetica, offrendo le tecnologie PHEV e BEV, per sfruttare al massimo le potenzialità dell’elettrico. Quello che distingue i modelli elettrificati della Casa dal resto dei prodotti che ci sono oggi sul mercato è sicuramente il know-how che il brand ha sulla tecnologia, grazie a una storia industriale lunga oltre due secoli. Le radici dell’elettrificazione in Peugeot risalgono all’inizio degli anni Quaranta del secolo scorso, quando introdusse la compatta VLV 100% elettrica.

Cosa significa oggi guidare un’auto che può viaggiare in modalità 100% elettrica? È quasi difficile da spiegare a chi non ha mai avuto quest’opportunità, che fa entrare in una nuova dimensione. È un’esperienza diversa; colpisce subito l’estremo silenzio in ogni situazione, il motore elettrico infatti non emette alcun suono.

Oltre al silenzio, entrano in gioco le vibrazioni, un elemento che è difficile pensare possa non esserci in un mezzo che si muove; eppure l’auto elettrica non genera vibrazioni, è silenziosa e fluida, il confort di bordo ne beneficia. E infine entra in gioco anche l’olfatto. Anche con le auto tradizionali più recenti, nonostante non ci siano più le vecchie marmitte di un tempo, si può percepire la differenza a livello olfattivo. Le auto elettriche non emettono odori.

Si prova quindi un insieme di sensazioni fisiche che rivoluzionano la percezione che si ha alla guida. Tutto è più piacevole, più fluido. Un altro vantaggio? La reattività del motore alla pressione sull’acceleratore, che determina una percezione diversa della guida. Tutto questo si può provare guidando la nuova Peugeot e-208, 100% elettrica, la più performante della gamma, scatta da 0 a 100 km/h in appena 8,1 secondi. Il Nuovo Peugeot 3008 HYBRID4, invece, sfrutta la tecnologia ibrida plug-in per offrire, grazie ai 3 motori, una potenza totale di ben 300 CV e uno scatto da 0 a 100 km/h in soli 5,9 secondi. Non possiamo parlare quindi solo di un nuovo approccio ecosostenibile alla mobilità, ma di un nuovo modo di concepire il piacere di guidare.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Ecosostenibilità, l’esempio di Peugeot: la transizione energeti...