Dopo Roma, anche a Milano è boom di multe per i nuovi autovelox

Oltre 64mila sanzioni in una settimana con sette nuovi rilevatori

Dopo Roma anche Milano si erge a protagonista nella lotta all’alta velocità: il Comune meneghino ha infatti reso noti i dati sul funzionamento di sette nuovi autovelox collocati in varie zone della città, per la precisione in Via Parri, viale Fermi, via Palmanova e sul cavalcavia del Ghisallo (limite di 70 km/h), Via dei Missaglia, Viale Famagosta e Via della Chiesa Rossa (limite 50 km/h)

Dopo una prima settimana di "prova" a partire dal 10 marzo, nella successiva, quella tra domenica 16 marzo e sabato 22 marzo, ha evidenziato ben 64205 sanzioni, per un’impressionante media di 9172 al giorno. In alcuni casi, poi le infrazioni sono state pesanti: sul Ghissallo s’è toccato i 190 km/h e nel 59% dei casi i limiti sono stati superati del 10%.
 
Fortunamente per loro, gli automobilisti si sono progessivamente abituati a rispettare i nuovi limiti, con relativo calo nelle sanzioni: c’è peraltro da dire che in alcune zone il limite era particolarmente basso e, probabilmente, non necessario per la sicurezza stradale. Caso evidente, questo, per via dei Missaglia, dove su una strada a tre corse con tanto di spartitraffico il limite era di 50 km/h
 
Per il superamento del limite di velocità le multe e le detrazione di punti sono in certi casi decisamente pesanti. Quando si supera di meno di 10 km/h il limite, la multa è di 41 euro ma se si arriva a oltre i 10 e sotto i 40 km/h il verbale si alza fino a 168 euro con tre detrazione di tre punti patente.
 
Per un superamento tra i 40km/h e i 60km/h la multa è di 527 euro con sottrazione di sei punti e sospensione della patente da uno a tre mesi (da 8 a 18 se si è recidivi entro due anni). Se si supera invece di oltre 60 km/h la sanzione arriva a 821 euro con decurtazione di 10 punti della patente e sospensione da sei a 12 mesi (revoca nel caso di recidiva in un biennio). 
 
Ricordiamo che il proprietario dell’auto che riceve a casa una multa che preveda il taglio di punti della patente o comunica chi guidava il mezzo (a quest’ultimo verrano tolti i punti) o paga una multa aggiuntiva, che dal primo gennaio 2014 è salita a 284 euro, più altre venti per le spese di spedizione.
 

Anche a Roma i nuovi autovelox installati nell’ambito dell’operazione "Andate piano" avevano innalzato notevolmente il numero di sanzioni: in alcune zone, addirittura, è stata multata una macchina su due

 

MOTORI Dopo Roma, anche a Milano è boom di multe per i nuovi autovelox