Dalla Germania accusano la Fiat: scoppia “dieselgate” italiano?

Secondo il "Bild am Sonntag" la Fiat 500X avrebbe un software per "truccare" le emissioni

Spunta all’orizzonte un possibile quanto clamoroso caso di “dieselgate all’italiana”: secondo la stampa tedesca, in particolare il “Bild am Sonntag”, Fca avrebbe utilizzato un software specifico su alcuni propulsori diesel teso ad alterare le emissioni nocive, in particolare interrompendo il meccanismo di riduzione delle emissioni dopo 22 minuti e ‘barando’ quindi sui test di omologazione.

Addirittura, sempre secondo quanto riportato da Bild, il Ministero dei trasporti tedesco avrebbe già inviato la documentazione del presunto illecito alla controparte italiana, indicando nella 500X il modello incriminato e minacciando di togliere la licenza di vendita in Germania dei modelli che adottano il motore ‘truccato’. Dal canto suo, FCA ha replicato senza commentare le indiscrezioni ma ribadendo semplicemente che i suoi veicoli rispettano la normativa vigente.

Si acuisce così il ‘braccio di ferro’ tra il Ministero dei Trasporti tedesco e FCA, rapporto che aveva già vissuto un momento di tensione settimana scorsa, quando l’azienda italo-americana aveva disertato un incontro fissato a Berlino per chiare alcuni dei punti oscuri sorti in un’indagine organizzata dal Ministero, indagine avviata dopo il dieselgate che aveva rischiato di mettere in ginocchio Volkswagen.

Secondo questa inchiesta, una trentina di auto di altre marche avevano rivelato dati sospetti nei test per le emissioni di CO2 e così il ministero aveva deciso di convocare le aziende per una valutazione dei risultati. Se però alcuni brand tedeschi avevano collaborato, la scelta di FCA – supportata dal Ministero dei trasporti italiano – era stata quella di non recarsi all’incontro, citando come referente accreditato per i test solo l’Autorità di omologazione competente in Italia.

In attesa che la vicenda venga chiarita, i riflessi borsistici non sono stati certo positivi per Fiat Chrysler Automobiles: il titolo è infatti in netto calo a Piazza Affari, anche se gli analisti sembrano scettici sulla possibilità di un ‘dieselgate all’italiana’, visto che le contestazioni avanzate sarebbero basate su una serie di test diversi rispetto a quelli all’origine del dieselgate di Volkswagen.

MOTORI Dalla Germania accusano la Fiat: scoppia “dieselgate” ital...