Covid, l’emergenza sanitaria non ferma le vacanze in auto

Secondo i dati di Autopromotec, gli Italiani per le vacanze optano prevalentemente per il mezzo proprio

Nonostante l’emergenza Covid, gli italiani che si recheranno in vacanza si attestano a quota 70%, senza stravolgere le proprie scelte di mobilità. Questo è quanto si evince da una ricerca realizzata dall’osservatorio Autopromotec, secondo il quale l’attuale stato di crisi sanitaria non va ad inficiare sull’utilizzo del mezzo di trasporto preferito con cui muoversi in ferie.

Per oltre il 68% degli italiani, il Coronavirus influisce “per niente o poco” nelle preferenze sul mezzo da utilizzare durante le tanto desiderate vacanze agostane; il 17,5% dichiara di essere “abbastanza influenzato”, mentre il 14,5% molto.

Esaminando le aree macroterritoriali, si può notare come siano i cittadini residenti nel Nord-Ovest i meno influenzati dagli eventi epidemici: il 71% infatti segnala un condizionamento assente o minimo relativamente alla scelta del mezzo di mobilità. Al Sud, invece, la propensione tende a calare: gli intervistati che dichiarano di sentirsi influenzati poco o nulla rispetto a questa decisione sono il 65,3%. Queste indicazioni, rese note dall’osservatorio Promotec, si basano su alcuni sondaggi realizzati da Istat relativamente alla fiducia dei consumatori.

Dalla ricerca si evince altresì che gli italiani che trascorreranno un periodo di riposo nelle località balneari o montane (cosa bisogna sapere oggi per quanto riguarda il Green Pass) si sposteranno con mezzi privati: l’84% dichiara che utilizzerà prevalentemente moto o autovetture. Il mezzo proprio è scelto in via principale al Centro Italia (circa il 90% dei residenti), leggermente meno al Nord-Ovest (74,3%).

Infine, nella classifica dei veicoli più utilizzati, seguiti da auto e moto, si trovano treno, aereo e nave. Per quanto riguarda, invece, le fasce d’età, autovetture e motociclette vengono scelte da chi ha tra i 30 ed i 64 anni e meno dai giovani tra 18 e 29, che optano più decisamente tra treni ed aerei.

Per chi deve mettersi ancora in viaggio, è consigliabile inoltre controllare periodicamente le previsioni del traffico. Da evitare assolutamente i giorni con il bollino nero, giacché le code potrebbero protrarsi per interminabili ore. Chi ne avesse la possibilità perché dispone di una seconda casa o ha prenotato in una struttura con vincoli di orario flessibili, può partire nelle ore più fresche (ad esempio a sera inoltrata o poco prima dell’alba) per cercare di anticipare gli altri viaggiatori evitando così gli indesiderabili ingorghi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Covid, l’emergenza sanitaria non ferma le vacanze in auto