Coronavirus, sospese o rimandate tutte le manifestazioni auto

Sono tante le precauzioni poste in essere in questi giorni, anche gli eventi auto subiscono dei cambiamenti

Non si parla d’altro, Coronavirus, questa settimana sono tante le misure cautelari poste in essere soprattutto nel nord Italia e in particolare nelle zone focolaio della Lombardia e del Veneto.

Anche le manifestazioni legate al mondo delle auto subiscono dei cambiamenti, ASI, Automotoclub Storico Italiano, ha sospeso tutte le sue attività e gli eventi organizzati a livello culturale, ludico e di socialità sul territorio nazionale. Nel rispetto delle indicazioni contenute all’interno del decreto legge n.6 emanato il 23 febbraio 2020 e delle differenti ordinanze delle autorità competenti locali emesse in questi giorni, le varie attività subiranno variazioni almeno per i prossimi 30 giorni, a causa dell’emergenza sanitaria data dal Coronavirus.

Un comunicato sottolinea che questo provvedimento infatti “viene articolato su un periodo di 30 giorni non per aggiungere allarmismo alla situazione già difficile per tutte le aree direttamente coinvolte, e non solo quelle, quanto per le necessarie attività organizzative e preparatorie di cui hanno bisogno gli eventi e che richiedono sempre almeno alcune settimane preventive per la loro organizzazione efficiente ed in sicurezza”.

ASI quindi vuole evidenziare il proprio senso di responsabilità in una situazione così difficile e dimostrare la propria partecipazione all’impegno che tutti gli organi istituzionali stanno dimostrando in questi giorni, insieme alla vigilanza, agli enti nazionali e locali, agli organi di intervento sanitario e di garanzia dell’ordine pubblico. Tutti inducono i propri iscritti a non spostarsi sul territorio se non è necessario.

Il comunicato prosegue con le seguenti parole: “ASI seguirà con attenzione gli sviluppi della situazione emergenziale da Coronavirus, attenendosi scrupolosamente agli orientamenti e le indicazioni che verranno in futuro trasmessi dalle autorità competenti, aggiornando costantemente di eventuali ulteriori provvedimenti di sospensione delle proprie attività non solo i soci iscritti ma anche le Comunità e le Amministrazioni locali che sempre partecipano con entusiasmo alle manifestazioni sociali e sportive del motorismo storico, inserite ormai da tempo nei diversi calendari turistici e di attrazione dei territori nazionali”.

Nelle ultime ore è stato comunicato anche che Roma Motodays, la manifestazione dedicata alle due ruote, sarà posticipata di due settimane. Fiera Roma, visto quello che sta succedendo a causa del Coronavirus, ha deciso di rimandare la prossima edizione, inizialmente prevista dal 5 all’8 marzo, al periodo 17-19 aprile 2020.

Gli organizzatori hanno fatto sapere: “La scelta è stata presa dopo un attento confronto con gli operatori del settore e mira alla tutela della salute e dell’economia. Abbiamo ritenuto, nonostante il protocollo pubblico non prescrivesse il rinvio, che questa fosse la decisione più giusta da prendere, a tutela sia della salute dei nostri visitatori, espositori e lavoratori, sia degli interessi economici delle aziende coinvolte e di Fiera Roma stessa”. Nei giorni scorsi invece abbiamo appreso la notizia che il Salone di Ginevra 2020 si terrà regolarmente dal 5 al 15 marzo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Coronavirus, sospese o rimandate tutte le manifestazioni auto