Il Coronavirus non ferma lo sbarco di Tesla in Europa

La Casa di Palo Alto non si ferma nemmeno di fronte a quest’emergenza globale

L’Italia sta vivendo una situazione davvero problematica e difficile da sostenere a causa dell’epidemia di Coronavirus che coinvolge tutto il Paese, tante le attività commerciali che si sono fermate, diverse anche le Case auto che hanno stoppato la produzione.

Il virus sta dilagando anche nel resto dell’Europa, anche se al momento la situazione è meno preoccupante rispetto a quella italiana. In questo scenario Tesla non si ferma e continua a lavorare per realizzare la nuova fabbrica di produzione in Germania, il primo stabilimento di Elon Musk in Europa, che si troverà proprio nel cuore del Paese, precisamente nei pressi dell’area della città di Berlino. Nonostante la pandemia che purtroppo sta mettendo in ginocchio il mondo intero, l’azienda di Palo Alto spera di poter andare avanti nella realizzazione della nuova Gigafactory senza sosta.

Il governo tedesco, proprio nei giorni scorsi, ha scelto un approccio e delle regole molto differenti rispetto a quello che stiamo vivendo in Italia. È vero anche che la diffusione del Coronavirus in Germania è ancora agli inizi, per fortuna, e quindi potremmo anche vedere delle misure più drastiche nelle prossime settimane, se dovesse succedere come è accaduto qui in Italia. Al momento tutto procede ancora regolarmente, anzi il prossimo mese (aprile 2020) è prevista la posa della prima pietra della nuova fabbrica di Tesla in Germania, a Berlino, primo stabilimento europeo voluto da Elon Musk. Non è prevista nessuna proroga, se la situazione tedesca rimane tale, probabilmente nulla verrà rimandato.

Il piano di costruzione non ha subito alcun rallentamento nemmeno dopo le proteste degli ambientalisti, la costruzione della prima fabbrica europea di Tesla continua senza sosta. Erano semplicemente stati congelati per un breve periodo di tempo i lavori per decisione di un tribunale tedesco, dopo che dei movimenti ambientalisti avevano sostenuto che i lavori di Tesla rischiassero di mettere in pericolo la fauna della zona. La Gigafactory numero 4 della Casa delle elettriche di Palo Alto quindi prenderà presto forma e secondo le speranze di Elon Musk potrebbe anche iniziare la sua attività di produzione a pieno regime nel mese di luglio 2021. Staremo a vedere cosa succederà, nel frattempo speriamo che l’epidemia si arresti, per il bene di tutti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Il Coronavirus non ferma lo sbarco di Tesla in Europa