Coronavirus, Mercedes F1 produce ventilatori in tempi da record

Lo spirito competitivo di Mercedes High Powertrains si fa vedere anche in questa emergenza

Siamo in piena emergenza a causa del Coronavirus, purtroppo il mondo intero è in ginocchio per colpa di questa pericolosa epidemia. Oggi più che mai stiamo assistendo a tantissime iniziative di volontari che si occupano di chi ha più bisogno, di medici e infermieri sempre in prima linea per i malati, di realtà che cambiano completamente la loro produzione per far fronte all’emergenza.

Di queste fanno parte anche molte Case auto, come abbiamo appena visto infatti Lamborghini sta producendo mascherine e visiere, SEAT sta realizzando respiratori grazie al ‘riutilizzo’ dei motorini dei tergicristalli, e questi sono solo alcuni dei tantissimi esempi che potremmo fare. In questo scenario compare anche Mercedes High Powertrains, ovvero la divisione che sviluppa e fornisce i motori per le auto di Formula 1.

Anche in questo caso si fa sentire la loro voglia di mettersi in gioco e il grande spirito competitivo: in tempi record infatti il reparto ha iniziato a produrre tecnologie mediche che tra l’altro si sono rivelate anche super efficaci per far fronte all’epidemia. Si tratta in particolare di un ventilatore speciale che serve per i pazienti affetti da Coronavirus e che presto verrà usato negli ospedali. Secondo gli esperti si tratta di uno strumento nuovo che serve per una ventilazione non invasiva e per applicare una pressione positiva continua nelle vie aeree in tutte le fasi della respirazione, cercando di evitare l’intubazione.

Le abitudini di Mercedes High Performance Powertrains ovviamente sono state completamente sconvolte in questo periodo, se i produttori di dispositivi medici di solito impiegano anche più di un anno per completare i primi modelli di testa, solo dopo 100 ore il team è riuscito a completare il nuovo prodotto per tutti i malati di Coronavirus, ovviamente l’impegno e la dedizione sono stati enormi, vista la situazione di grande emergenza.

Su AMuS (Fonte ANSA) si legge: “L’esperienza iniziale in Italia mostra che il 50% dei pazienti trattati con un dispositivo CPAP non necessita più di ventilazione completa”. Le Autorità hanno approvato il nuovo dispositivo che il team di Formula 1 di Mercedes è stato in grado di realizzare e dopo i test che si terranno in differenti cliniche, inizierà la produzione di migliaia di questi strumenti in meno tempo possibile.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MOTORI Coronavirus, Mercedes F1 produce ventilatori in tempi da record